9 febbraio 2010 / 16:56 / tra 8 anni

Borsa Milano negativa con Fiat e Intesa SP, corre Telecom

MILANO, 9 febbraio (Reuters) - E’ durata poco l‘illusione di Piazza Affari di tornare a vedere il segno più. Dopo aver provato a mettere a segno un rimbalzo, nel finale di seduta il listino milanese è tornato in ribasso.

D‘altro canto, gli operatori erano scettici riguardo alle prospettive dei mercati e parlavano di “rimbalzo”, ponendo l‘accento sui “volumi bassi”.

I timori sulla solidità economica di alcuni Paesi dell‘Europa meridionale non sono venuti meno. “La notizia di un vertice fra i leader Ue, con la partecipazione di (Jean-Claude) Trichet, da un lato, è rassicurante, perché c’è la volontà di salvare la Grecia”, argomenta un dealer, “ma, dall‘altro lato, è preoccupante, perché significa che Atene è veramente nei guai”.

La paura che la malattia greca si trasformi in pandemia, progagandosi a livello mondiale, è senza dubbio il driver dei mercati in questa fase. I trader, infatti, sottolineano come una serie di trimestrali Usa rassicuranti (oggi è stata la volta di Coca Cola (KO.N)) non sia stata sufficiente a riportare il sereno sulle borse.

In chiusura, l‘indice FTSE Mib .FTMIB ha perso lo 0,57% e l‘AllShare .FTITLMS lo 0,39%, mentre il Mid Cap .FTITMC ha guadagnato lo 0,65%. Volumi per un controvalore di circa 2,6 miliardi di euro.

* FIAT FIA.MI è caduta nel finale, lasciando sul terreno il 2,53%. Secondo i trader, il Lingotto è stato affossato dalle dichiarazioni del ministro Claudio Scajola sulla destinazione degli incentivi a settori industriali diversi dall‘auto. Male anche la controllante EXOR (EXOR.MI): -2,43%.

* Nel comparto dell‘automotive, PIRELLI PECI.MI, molto penalizzata nelle ultime sedute, è avanzata dell‘1,04%. BREMBO (BRBI.MI) ha registrato una flessione dello 0,45%, mentre sono rimbalzate SOGEFI SFGI.MI (+2,71%), LANDI RENZO (LR.MI) (+1,89%) e PIAGGIO (PIA.MI) (+3,1%).

* Le dichiarazioni di Scajola hanno spinto le quotazioni di INDESIT IND.MI (+5,6%): gli elettrodomestici, infatti, dovrebbero beneficiare degli incentivi pubblici.

* Giornata complessivamente negativa per le banche. INTESA SANPAOLO (ISP.MI) ha lasciato sul terreno il 2,17%: un operatore si limita a ricordare che “ieri aveva guadagnato”. UBI BANCA (UBI.MI) è scesa dell‘1,29%.

* Brillante TELECOM ITALIA (TLIT.MI): +3,05%. I trader attribuiscono il rally alle indiscrezioni di stampa sulla prossima fusione con Telefonica (TEF.MC). Scettica un‘operatrice: “Fra i due gruppi non ci sono sinergie; invece, le sovrapposizioni sono notevoli. Inoltre, non c’è sintonia politica fra Italia e Spagna per giustificare un‘operazione del genere”.

* BUZZI BZI.MI è arretrata dell‘1,67% dopo l‘annuncio dei conti preliminari 2009.

* Nel settore delle costruzioni, bene IMPREGILO IPGI.MI (+0,91%). Fuori dal paniere principale, ASTALDI (AST.MI) è salita del 3,78%, spinta dai risultati 2009 e dalle dichiarazioni dell‘Ad sulla separazione dell‘attività di concessioni e sulla non necessità di un aumento di capitale.

* Rimbalzi per alcuni dei titoli più penalizzati recentemente: AUTOGRILL (AGL.MI) +1,66%, TENARIS (TENR.MI) +1,21%, SAIPEM (SPMI.MI) +0,73% e MEDIASET (MS.MI) +0,47%.

* GEOX (GEO.MI) ha terminato praticamente invariata (+0,06%), dopo aver oscillato più volte. I trader ricordano “un report di Equita”, che ha alzato il rating a “hold” da “reduce”, con target di 4,4 euro. Il broker scrive di vedere “poco spazio per un‘ulteriore underperformance”, ma ha tagliato le stime 2009-2011 del 5-8% a livello di Ebitda e di utile netto.

* Tra le small e mid cap, è tornato il denaro sulle società legate alle energie rinnovabili: PRAMAC PRAM.MI +9,09%, ERGYCAPITAL (ECY.MI) +8,06% e TERNIENERGIA (TRN.MI) +4,24%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below