4 febbraio 2010 / 10:20 / 8 anni fa

Borsa Milano volge in rosso, giù Prysmian su cessione quota

MILANO, 4 febbraio (Reuters) - Piazza Affari non riesce a dare consistenza al mini-rimbalzo di apertura e volge in rosso a metà mattinata, insieme alle maggiori borse continentali.

Continua a spiccare il forte ribasso di Prysmian (PRY.MI), di cui è in corso il collocamento del 9,9% detenuto dai coreani di Taihan (001440.KS) a un valore che implicherebbe, secondo i rumors, uno sconto rispetto al valore attuale del titolo.

I pochi titolo in rialzo nel paniere principale seguono spunti individuali, mancando movimenti di portata più ampia in direzione positiva.

“C’è voglia di ripartire, quello che manca sono spunti consistenti”, dice un trader. “Non ci sono vere ragioni per una modifica sostanziale del quadro di breve-medio periodo, che resta positivo, ma è come se si fosse esaurita la spinta”.

Intorno alle 11,00 l‘indice FTSE Mib .FTMIB perde lo 0,90%, l‘AllShare .FTITLMS lo 0,87% e il Mid Cap .FTITMC lo 0,77%.

* PRYSMIAN (PRY.MI) cede quasi il 4% mentre è in corso il collocamento del 9,9% detenuto nella società da Taihan Electric Wire (001440.KS), un‘operazione seguita da Bank of America-Merrill Lynch che il socio coreano dice valere circa 400 miliardi di won e che, calcola un trader, implica un importante sconto sul prezzo attuale del titolo.

Concorda un altro trader, che cita “rumors di prezzo intorno a 12,75”, mentre il titolo scambia intorno ai 13,14 euro e gli scambi hanno già superato il doppio della media dei volumi giornalieri.

* In rialzo PIRELLI PECI.MI, che oggi gode di un giudizio positivo da parte di Kepler, che ne migliora il giudizio e il target price. Kepler cita l‘effetto delle operazioni di razionalizzazione già portate a termine e di quelle ancora da realizzare, aggiungendo che l‘intenzione di cedere la controllata Pirelli RE (PCRE.MI) prelude all‘esito positivo della focalizzazione sul business dei pneumatici.

* Ha finito la benzina in fretta BUZZI UNICEM (BZU.MI), partita con un balzo del 3% sul miglioramento di giudizio da parte di Nomura per poi azzerare i guadagni e passare in rosso, fino a sfiorare il mezzo punto percentuale di perdita.

* Sorte analoga tocca ad AUTOGRILL (AGL.MI), che ha toccato nei primi scambi il +2% forte del miglioramento di rating da parte di un broker estero e ora in ripiego a -0,2%.

* Deboli le banche, a cominciare da UNICREDIT (CRDI.MI) che cede oltre l‘1,5%. Variano dal mezzo al punto percentuale i cali degli altri istituti, che fanno comunque meglio del settore a livello europeo .SX7P, che cede quasi il 2%.

* Finisce anche la corsa degli assicurativi, con la sola FONDIARIA SAI FOSA.MI a sopravvivere in territorio positivo, seppure temperando i rialzi allo 0,6% dopo avere sfiorato il +2%. Debole ma vicino alla parità MEDIOLANUM MED.MI, in netto calo GENERALI (GASI.MI) a -1,5%.

* Prosegue il pendolo di TELECOM ITALIA (TLIT.MI), che oggi guadagna lo 0,8% segnando una nuova giornata in controtendenza rispetto a quella precedente.

* Emergono i difensivi, in particolare TERNA (TRN.MI) e SNAM RETE GAS (SRG.MI).

* Fuori dal paniere principale, cade SNAI (SNAI.MI) a -4,8% dopo aver rinviato a data da destinarsi l‘emissione del bond, mentre cede oltre il 3% ANTICHI PELLETTIERI AP.MI nei giorni in cui si decide il destino del gruppo controllante Marialla Burani MBFG.MI per via giudiziaria.

* Tonica invece ARKIMEDICA AKM.MI che ha annunciato l‘acquisto di una Rsa da 120 posti letto per un valore di 4,2 milioni di euro.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below