3 febbraio 2010 / 16:54 / tra 8 anni

Borsa Milano in rosso con Telecom Italia, Impregilo e banche

MILANO, 3 febbraio (Reuters) - Piazza Affari archivia in calo una seduta che ha visto ricomparire il segno meno, dopo che il mese di febbraio si era aperto con due rialzi.

Fiacco sin dalle prime battute, il listino di Milano è peggiorato in corrispondenza di un indebolimento dei futures di Wall Street, salvo risollevarsi leggermente dopo l‘avvio di seduta pressoché piatto della borsa Usa e tornare a scendere dopo l‘indice Ism servizi, risultato inferiore alle attese.

Gli operatori sottolineano l‘estrema volatilità che caratterizza i mercati azionari e la strategia di stock picking adottata dagli investitori da inizio anno.

“E’ in atto una continua rotazione per aree geografiche e settori”, si legge in un report di una banca d‘affari internazionale. “Sebbene riteniamo che la corsa dei prezzi non sia completamente finita, preferiamo focalizzarci sulla qualità”.

In chiusura, l‘indice FTSE Mib .FTMIB ha perso l‘1,09%, l‘AllShare .FTITLMS l‘1,07% e il Mid Cap .FTITMC lo 0,96%. Volumi per un controvalore di circa 2,6 miliardi di euro.

* Star delle precedenti due sedute, TELECOM ITALIA (TLIT.MI) è stata colpita dai realizzi, terminando in calo del 3,84%. Intensi gli scambi: sono passati di mano circa 220 milioni di pezzi, contro una media dell‘intera seduta di 109,466 milioni negli ultimi trenta giorni. Secondo i trader, il mercato continua a credere all‘ipotesi di fusione con Telefonica (TEF.MC), sebbene il governo italiano abbia espresso perplessità. Coinvolta nel progetto Telecom-Telefonica, MEDIOBANCA (MDBI.MI) ha lasciato sul terreno il 2,82%.

* Complessivamente male le banche: il paniere europeo ha ceduto l‘1,5%. A Milano, BANCO POPOLARE BAPO.MI è arretrato del 2,38%, UBI BANCA (UBI.MI) dell‘1,42%, POP MILANO PMII.MI dell‘1,65% e INTESA SANPAOLO (ISP.MI) dell‘1,66%.

* ATLANTIA (ATL.MI) è scesa del 2,05%. Un dealer cita “indiscrezioni di stampa su un raffreddamento dell‘ipotesi di coinvolgimento di Abertis (ABE.MC) nel patto di sindacato”.

* IMPREGILO IPGI.MI è caduta del 3,46% nella giornata in cui ha reso noto che il Tribunale del riesame di Napoli ha ridotto a 266 da 750 milioni il sequestro preventivo legato all‘inceneritore di Acerra. “Il mercato si attendeva un azzeramento”, commentano due trader.

* Tonica ANSALDO STS (STS.MI) (+1,9%), che si è aggiudicata una commessa da 180 milioni per la metropolitana di Copenaghen.

* FIAT FIA.MI poco mossa (+0,11%): il Lingotto non si è pienamente allineato allo stoxx europeo dell‘automotive .SXAP (+0,96%). Meglio la controllante EXOR (EXOR.MI): +1,19%. Nel comparto, PIRELLI PECI.MI +0,24%.

* Tornando alle vicende Fiat, a due giorni dal tavolo al ministero dello Sviluppo su Termini Imerese, CAPE LIVE CALIV.MI mette a segno un balzo del 13,51%, con scambi straordinari: sono passati di mano quasi 900.000 pezzi, contro una media dell‘intera seduta di 46.000 negli ultimi trenta giorni. Cape Live è il veicolo quotato di Cape Natixis, l‘operatore di private equity guidato da Simone Cimino, che ha presentato un piano di salvataggio dell‘impianto siciliano.

* Indicata da Equita Sim fra i titoli da comprare nel 2010, PRYSMIAN (PRY.MI) ha guadagnato l‘1,41%.

* Segno meno per i petroliferi, penalizzati dalla flessione dei futures sul greggio dopo il dato sulle scorte Usa: SAIPEM (SPMI.MI) -0,88% ed ENI (ENI.MI) -0,88%.

* Fuori dal paniere principale, INDESIT IND.MI ha perso il 4,97%, risentendo della trimestrale deludente della concorrente Electrolux (ELUXb.ST).

* Acquisti selettivi fra le società che operano nell‘energia rinnovabile: PRAMAC PRA.MI - che ha diffuso una nota per dire che non ha elementi che giustifichino il rally del titolo - ha guadagnato il 17,65%. Toniche TERNIENERGIA (TRNI.MI) (+4,03%) ed ERGYCAP (ECY.MI) (+2,31%).

* Brillante RECORDATI (RECI.MI): +5,41%. La casa farmaceutica ha ottenuto l‘autorizzazione Ue a mettere in commercio le specialità Urorec e Silodyx.

* SNAI (SNAI.MI) è arretrata del 4,13% nella giornata in cui ha ufficializzato la decisione di posticipare il bond da 350 milioni a data da definire.

* Debole SAFILO (SFLG.MI): -2,42%. Ieri, in tarda serata, il gruppo ha comunicato i dettagli dell‘aumento di capitale.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below