29 gennaio 2010 / 16:51 / 8 anni fa

Borsa Milano rimbalza con Fiat e UniCredit, giù Finmeccanica

MILANO, 29 gennaio (Reuters) - Piazza Affari chiude la settimana con un rialzo convincente, che, però, non cancella il trend ribassista in atto da inizio anno.

Il listino di Milano ha accelerato nel pomeriggio, sostenuto da alcuni dati Usa positivi, che hanno dato benzina all‘avvio di Wall Street. La borsa Usa, peraltro, si è progressivamente seduta, provocando un dimezzamento dei progressi di Piazza Affari.

“Si tratta di ricoperture”, spiega un trader. “I volumi modesti dimostrano che la tendenza di fondo non è cambiata”.

Dal punto di vista dell‘analisi tecnica, gli operatori sottolineano che il FTSE Mib non è riuscito a portarsi stabilmente sopra 22.000 punti, quota che in precedenza costituiva un supporto importante, rotto nei giorni scorsi.

In chiusura, l‘indice FTSE Mib .FTMIB ha guadagnato l‘1,36%, a 21.896,29 punti (22.042,87 punti il massimo intraday, 21.478,10 punti il nuovo minimo dell‘anno). L‘AllShare .FTITLMS è salito dell‘1,24% e il Mid Cap .FTITMC dello 0,24%. Volumi per un controvalore di circa 2,9 miliardi di euro.

* Rimbalzo di UNICREDIT (CRDI.MI) (+3,96%) nell‘ultimo giorno dell‘aumento di capitale. Il titolo di Piazza Cordusio, secondo gli operatori, ha beneficiato delle ricoperture di fine mese. UniCredit “seguirà le altre banche”, argomenta un analista che segue il settore. “Ultimamente ha sottoperformato (il comparto) perché l‘aumento di capitale impediva di shortare”.

* Bene, nel complesso, le banche: lo stoxx europeo .SX7P ha guadagnato l‘1,75%. A Milano, però, se INTESA SANPAOLO (ISP.MI) ha messo a segno un progresso dell‘1,46%, UBI BANCA (UBI.MI) è arretrata dell‘1,58% e BANCO POPOLARE BAPO.MI del 2,12%.

* Rimbalzo anche per FIAT FIA.MI (+4,16%), altro titolo fortemente penalizzato in settimana. Il Lingotto si è sintonizzato sulla lunghezza d‘onda del settore automotive europeo .SXAP (+2,43%). La controllante EXOR (EXOR.MI) è avanzata del 4,18%. Nel comparto, PIRELLI PECI.MI +1,08%.

* Fanalino di coda del paniere principale, FINMECCANICA SIFI.MI ha lasciato sul terreno il 3,55%, pagando la revisione al ribasso della guidance per l‘anno in corso. Natixis, pur confermando il rating “buy” sul gruppo guidato da Pier Francesco Guarguaglini, ha tagliato il target price a 13,25 da 14 euro e ha ridotto la stima sull‘utile per azione del 2010 a 1,27 da 1,30 euro e quella sull‘eps 2011 a 1,30 da 1,45 euro

* Secondo giorno consecutivo di rally per TELECOM ITALIA (TLIT.MI) (+2,94%), spinta dalle speculazioni su una fusione con Telefonica (TEF.MC).

* Rimbalzi per alcuni dei titoli maggiormente colpiti dalle vendite in settimana: TENARIS (TENR.MI) +3,64%, BUZZI UNICEM (BZU.MI) +2,66% e PRYSMIAN (PRY.MI) +3,45%.

* Tra le small e mid cap, AMPLIFON (AMPF.MI) è balzata del 6,65%, con scambi pari ad oltre sei volte la media. A spingere il titolo del distributore di apparecchi acustici le indiscrezioni di stampa relative ad un progetto per la creazione di un polo con la divisione apparecchi acustici che Siemens (SIEGn.DE) ha messo in vendita e con la tedesca Geers. Secondo una fonte vicina alla situazione, Amplifon è stata contattata da alcuni operatori di private equity che stanno ragionando sull‘idea, ma gli azionisti di riferimento, al momento, non sarebbero intenzionati a vendere.

* CAIRO COMMUNICATION (CAI.MI) ha perso il 9,08% sulla notizia di ieri della risoluzione di un lodo arbitrale, che ha riconosciuto il pagamento da parte di Telepiù (oggi Sky Italia) di 11,7 milioni di euro, ben inferiore alla richiesta di 300 milioni.

* RICHARD GINORI RG9.MI è avanzata del 7,42%, con scambi pari a circa tre volte la media. Un trader ricorda che “è in corso un aumento di capitale per massimi 20,9 milioni di euro”. I diritti di opzione saranno negoziabili sino al prossimo 5 febbraio. I diritti RG9_r.MI sono volati: +16,36%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below