28 gennaio 2010 / 10:26 / tra 8 anni

Borsa Milano prosegue rally, bene banche, Autogrill, Impregilo

MILANO, 28 gennaio (Reuters) - Dopo una settimana di debolezza Piazza Affari prosegue il rimbalzo sulla scia del rally delle borse europee.

I mercati beneficiano di una ritrovata fiducia dopo la buona risposta di Wall Street ieri alle dichiarazioni della Fed e al discorso del presidente Usa Barak Obama conciliante nei confronti del settore bancario.

Il clima positivo sul settore del credito fa ritornare gli acquisti sui titoli del comparto, al centro di una forte ondata di vendite nelle ultime sedute, ma il recupero coinvolge tutti i comparti compreso quello delle costruzioni, tlc, e auto.

“E’ un generale rimbalzo che dovrà però trovare conferma durante giornata. Al momento si apprezza l‘inversione di tendenza in positivo di Wall Street replicata dalle borse asiatiche che deve tuttavia essere foraggiato da acquisti per tutta la seduta”, osserva un trader.

Alle 11,10 circa l‘indice dei titoli principali FTSE Mib .FTMIB è in rialzo dell‘1,07% dopo che nelle ultime cinque sedute aveva lasciato sul terreno quasi il 5%.

L‘Allshare .FTITLMS avanza dell’ 1,08% e il Mid Cap .FTITMC l‘1,19%. Volumi per 800 milioni di euro circa.

* In testa al paniere principale balza AUTOGRILL (AGL.MI) con un +3% alimentato dai dati positivi sull‘andamento del traffico aereo internazionale a dicembre e sulle prospettive per il 2010.

“Riteniamo che la stabilizzazione del traffico potrebbe avere un impatto positivo sui fondamentali del gruppo, rendendo il titolo ancora più attraente”, commenta Centrobanca in uno studio.

* IMPREGILO IPGI.MI sale del 2,8% con un trader che cita le attese sull‘Ipo della controllata in Brasile Primav Ecorodovias. “La quotazione potrebbe fare emergere del valore rispetto a quello che gli analisti calcolano come somma delle parti”, dice.

* Il recupero dei bancari (+2,7% lo Stoxx europero) coinvolge soprattutto UNICREDIT (CRDI.MI) e BANCO POPOLARE BAPO.MI con rialzi del 2% e 1,54% rispettivamente. Le due banche sono state tra le più penalizzate negli ultimi ribassi con perdite rispettive dell‘8,5% e del 9,2%.

* Acquisti su TELECOM ITALIA (TLIT.MI) (+2,5%) in una giornata positiva per tutti i telefonici europei. Dalle sale operative non segnalano ragioni specifiche e si limitano a registrare la sostanziale tenuta delle soglia psicologica di un euro nelle ultime sedute.

* STM (STM.MI) è in progresso del +2,5% dopo il calo di oltre il 4% ieri seguito ai risultati trimestrali. Stamani Jp Morgan ha alzato il target price sulla società dei chip a 6,5 da 6 euro confermando “neutral”.

* Anche FIAT FIA.MI si accoda al rally del mercato con un rialzo (+1,6%) in linea con il settore europeo, dopo lo scivolone di ieri legato anche alle incertezze sui nuovi incentivi al settore.

* Al contrario, ritraccia su realizzi ANSALDO STS (STS.MI) (-1,3%) ieri protagonista di un‘ottima seduta in controtendenza al mercato.

“Ieri ha beneficiato delle attese sui dati preconsuntivo che poi hanno confermato le previsioni. Direi che oggi il titolo ritraccia per effetto di ‘sell on news’”, dice un operatore.

* Spunti nel settore petrolifero con il mercato che apprezza la notizia di ERG (ERG.MI) sulla creazione di una JV con la francese Total (TOTF.PA) nel settore della raffinazione e del marketing in Italia.

“L‘accordo è senz‘altro positivo perché spiana la strada per risparmi di costo grazie alla dimensione più ampia e alle economie di scala della divisione”, si legge in un report di Santander Private Banking che conferma il giudizio “buy” e il target price a 11,9 euro. Il titolo sale del 3,7% a 9,93 euro.

Tra i titoli del comparto più capitalizzati ENI (ENI.MI) sale dello 0,41%. Fa meglio SAIPEM (SPMI.MI) (+2%) che ieri ha comunicato l‘aggiudicazione di nuovio contratti per 370 milioni di dollari.

* PRYSMIAN (PRY.MI) sale dell‘1,4%. Stamani il socio sudcoreano Taihan Electric Wire (001440.KS) ha detto di aver risolto integralmente i rapporti contrattuali di swap relativi ad azioni della società italiana.

In una nota di commento Centrobanca sottolinea che la chiusura del contratto swap, anche se parzialmente scontato dal mercato, è una notizia positiva perchè “apre la porta all‘ingresso di nuovi azionisti come la famiglia Malacalza, già chiamata in causa da indiscrezioni stampa”.

* Nel resto del listino TOD‘S (TOD.MI) scivola del 5,7% dopo che ieri sera ha comunicato i dati sui ricavi del 2009, sostanzialmente stabili rispetto al 2008.

Secondo un trader i dati “hanno deluso il consensus”, mentre per Centrobanca sono stati in linea con le loro stime.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below