18 dicembre 2009 / 17:03 / 8 anni fa

Borsa Milano in calo, male le banche, Mediaset, brilla Impregilo

MILANO, 18 dicembre (Reuters) - Piazza Affari chiude l‘ultima seduta della settimana in calo proseguendo la flessione della vigilia in un finale di anno che si sta sempre più caratterizzando per la debolezza del comparto finanziario.

Tra i pochi titoli positivi del paniere princiale, da segnalare Impregilo, dopo le indiscrezioni stampa che parlano di soluzione per il passaggio di proprietà del termovalorizzatore di Acerra.

“La chiusura della borsa di oggi è decisamente negativa e, come già ieri, riflette un clima generale di nervosimo sui mercati soprattutto per i bancari”, commenta un‘operatrice.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB chiude in calo dello 0,91%, AllShares .FTITLMS dello 0,87%, MidCap .FTITMC dello 0,6%. Volumi per 2,4 miliardi di euro circa.

* Tra le banche sotto pressione in particolare le popolari con UBI (UBI.MI) a -2,9%, BANCO POPOLARE BAPO.MI a -3,3% e POP MILANO PMII.MI a -2,5%.

Per gli analisti l‘ipotesi del Comitato di Basilea di eliminazione delle minorities dal calcolo dei requisiti patrimoniali è sfavorevole alla struttura federale di questa categoria di banche.

“Le popolari hanno maggiori minorities e questo potrebbe penalizzarle”, commenta un‘analista di una banca italiane.

“Tuttavia si tratta di indicazioni su cui dovranno lavorare un intero anno e saranno applicati in un periodo lungo e progressivo”, aggiunge.

Su Banco Popolare pesa anche il creditwatch negativo di S&P sul rating a lungo termine della banca veronese annunciato ieri. La controllata ITALEASE BIL.MI cede il 7,7%.

* I ribassi dei bancari, deboli in tutta Europa (Stoxx -1,6%), non risparmiano INTESA SANPAOLO (ISP.MI) (-1,15%) nel giorno in cui i consigli hanno deliberato la cessione delle banca depositaria dando mandato all‘AD Corrado Passera per la finalizzazione dell‘accordo. Tra le big, chide invece in territorio positivo UNICREDIT (CRDI.MI) (+0,3%)

* Tra i pochi titoli in rialzo, stacca IMPREGILO IPGI.MI (+4,12%) con i dealer che parlano di effetti positivi per lo sblocco legislativo sull‘inceneritore di Acerra. Il Sole 24Ore scrive che sembra avviata a soluzione la questione del passaggio di proprietà del termovalorizzatore, cui viene attribuito il valore di 370 milioni.

“La notiza era attesa ma ha dato certezza sul valore che è leggermente superiore alle stime”, commenta un trader.

* La gestione dell‘impianto passerà ad A2A (A2.MI), che scende dell‘1,4%.

* In attesa di novità dalla Spagna MEDIASET (MS.MI) chiude in calo del 3%. Fonti hanno detto a Reuters che oggi il cda della controllata Telecinco e quello del gruppo Sogecable-Prisa si riuniscono per discutere sulla cessione di una quota della pay-tv a Telecinco (TL5.MC). Quest‘ultima è stata sospesa nel pomeriggio alla borsa di Madrid. * TELECOM ITALIA (TLIT.MI) debole (-2,3% da -0,3% dello Stoxx di settore .SXKP) dopo giudizi negativi da parte di un broker estero, dice un dealer. L‘analisi parla di ottima performance nel 2009 in materia di taglio dei costi difficilmente replicabile, spiega. * Nel FTSE MIB positive GEOX (GEO.MI) (+2,18%), PRSYMIAN (PRY.MI) (+1,55%): secondo un trader i titoli sono “ripresi in mano” dopo le recenti brutte performance.

* Tra i minori COIN GCN.MI perde il 3,58% a 4,45 euro, dopo che Equita ha collocato circa 3 milioni di azioni, pari a circa il 2,3% del capitale, a un prezzo intorno a 4,45 euro per azione. Coin ha annunciato l‘acquisizione del 100% del concorrente Upim.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below