13 luglio 2009 / 11:06 / 8 anni fa

Borsa Milano lima calo, volumi sottili,giù Intesa,Banco Popolare

MILANO, 13 luglio (Reuters) - Piazza Affari tenta timidamente di azzerare le perdite ma resta senza slancio, ad oscillare tra segno più e segno meno come il resto dell‘Europa.

“Il clima è vacanziero, non c’è voglia di ripartire con le incertezze che pesano sull‘economia, ma nemmeno di scendere con decisione. E’ tutto trading di piccolissimo cabotaggio, senza strategia settoriale di fondo”, dice una trader.

“Si aspetta la nuova tornata di trimestrali ma per oggi, in assenza di dati macro Usa, la giornata si prospetta senza particolari emozioni”, fa eco un‘altra.

In settimana diffonderanno i risultati, tra le altre, Intel (INTC.O), Goldman Sachs (GS.N), Johnson & Johnson (JNJ.N), Google GOOG.N, JP Morgan (JPM.N), Citigroup (C.N) e General Electric (GE.N). Alle 12,50 l‘indice Ftse/Mib .FTMIB cede lo 0,2%, come l‘AllShare .FTITLMS e il Ftse/Mid Cap .FTITMC. I volumi sono irrisori, per circa 600 milioni di euro.

In Europa Ftseurofirst 300 .FTEU3 e Stoxx 600 viaggiano vicini alla parità, con le banche fiacche ma gli energetici che provano il rimbalzo dai minimi di diverse settimane. Poco mossi Ftse 100 .FTSE, Cac 40 .FCHI e Dax GDAXI. In lieve calo i futures sugli indici di Wall Street DJc1NDc1SPc1.

* Pesanti le banche, -1% in Europa .SX7P con poche eccezioni. A Milano solo UNICREDIT (CRDI.MI), che dopo una partenza fiacca il titolo recupera a +0,7% in controtrend.

Calo superiore al 2%, invece, per INTESA SANPAOLO (ISP.MI), ma “in questi giorni ci sono movimenti a volte improvvisi e non dettati da ragioni particolari”, sminuisce un operatore. Per un‘altra trader “su Intesa bisognerà vedere come finirà con l‘Antitrust e la possibile multa”.

Sempre negativa, dopo una brevissima sospensione al ribasso, BANCO POPOLARE BAPO.MI. Indiscrezioni stampa affermano che la società si appresta a varare per la controllata Italease BIL.MI un aumento di capitale da 1-1,2 miliardi. Il titolo cede l‘1,4%.

Secondo la trader “lo spauracchio della ricapitalizzazione, visti gli ultimi esiti con Italease, esiste davvero”.

* Arginano i cali gli energetici europei .SXEP ma ENI (ENI.MI) continua a perdere più dell‘1%, mentre il greggio è sceso sotto i 60 dollari/barile.

Fiacca ENEL (ENEI.MI), che ha confermato genericamente di essere in trattative con EDF. Secondo indiscrezioni stampa starebbe negoziando con la società francese un possibile swap di impianti per alcune centinaia di megawatt complessivi.

SAIPEM (SPMI.MI) brilla in controtrend: “aveva perso quasi il 5% in una seduta, un rimbalzo ci sta tutto”, spiega una delle operatrici.

* Acquisti su STMICRO (STM.MI), +1,5% in un settore tech .SX8P che guadagna lo 0,5%. “Il titolo beneficia indirettamente dei risultati Philips (PHG.AS) ma la trimestrale di Intel (attesa domani) sarà il vero ago della bilancia per il comparto”, dice ancora la trader.

* Ancora tonico in controtrend rispetto al settore media europeo .SXMP L‘ESPRESSO ESPI.MI, +1,4% anche se con volumi estivi. “E’ l‘onda lunga del piano di ristrutturazione”, sminuisce la trader. Piatta MONDADORI (MOED.MI), fiacca MEDIASET (MS.MI).

* Viaggia tranquilla, a +0,5% e in linea col comparto europeo .SXAP, FIAT FIA.MI. Oggi RHJ International ha definito i colloqui con GM per Opel in “stato avanzato”. Nel settore brilla a +6% solo Porsche (PSHG_p.DE), che secondo indiscrezioni stampa potrebbe essere entrata nel mirino del Qatar.

* Perde leggermente più del settore .SXKP TELECOM ITALIA (TLIT.MI). Secondo indiscrezioni stampa circolate nel weekend alcuni fondi di private equity sono in lizza per rilevare il 49% della divisione Sparkle, che potrebbe valere circa 600 milioni. Sempre secondo le voci di stampa Telecom ha anche deciso di cedere il 40% di Loquendo con un possibile controvalore dell‘operazione sui 15 milioni.

* Vento in poppa per ANSALDO STS (STS.MI), 3,4% ma con volumi in linea con la media giornaliera dell‘ultimo mese. Secondo indiscrezioni di stampa gli ordini 2009 potrebbero raggiungere 1,6 miliardi, +23% rispetto al 2008 e meglio dei 1,3-1,5 miliardi stimati a marzo.

* Calo dell‘11% per AEDES (AEDI.MI). Venerdì sera il cda ha preso atto della ricezione da parte di Viba della fideiussione bancaria da 45 milioni ma Isoldi Immobiliare ha dichiarato di non essere in grado di prestare l‘attesa fideiussione.

* Ritraccia a -8% COBRA COBRA.MI, che lunedì era salita sulla notizia di contratti con Hyundai e Kia.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below