10 giugno 2009 / 16:04 / 8 anni fa

Borsa Milano positiva ma sotto i massimi, brilla Fiat

MILANO, 10 giugno (Reuters) - Piazza Affari chiude la seduta in rialzo ma sotto i massimi di giornata a causa del progressivo peggioramento di Wall Street.

“E’ un mercato privo di vera direzione, il futures sul FTSE Mib ha toccato la parte alta del canale e poi è tornato indietro seguendo il ritracciamento degli Usa”, dice un trader.

“Non usciamo dal trading range tra i 19.500 e i 20.500 punti”, aggiunge, sottolineando che la volatilità sui singoli titoli è segno del “prevalere di logiche di puro trading”.

C’è chi cita anche i timori per il forte apprezzamento del greggio, che da un lato spinge i titoli energtici, ma dall‘altro rende più ardua la strada della ripresa economica.

L‘indice Ftse/Mib .FTMIB termina in rialzo dell‘1,14%, il Ftse/All Share .FTITLMS dell‘1,09% e il Ftse/Mid Cap .FTITMC dell‘1%. Volumi pari a 2,4 miliardi di euro circa.

* Strappano nel finale BULGARI BULG.MI (+6,36%) e PRYSMIAN (PRY.MI) (+6,55%), ieri entrambe deboli, mentre continua la corsa STM (STM.MI) (+6,14%) nonostante il ripiegamento dei concorrenti americani (.SOXX -1,5%).

* Forte FIAT FIA.MI, in rialzo del 4,85% a 7,79 euro dopo un massimo intraday a un soffio dagli 8 euro (7,895 euro) contro uno Stoxx europeo delle auto a +1,7%. “Il titolo - spiega un trader - festeggia la chiusura dell‘operazione con Chrysler” annunciata questo pomeriggio dopo il via libera giunto nella notte dalla Corte Suprema Usa. Nel settore brilla anche PININFARINA (PNNI.MI) che chiude a quasi +20%.

* Nel settore dell‘energia bene ENI (ENI.MI) e SAIPEM (SPMI.MI), mentre ritraccia ENEL (ENEI.MI) dopo una giornata brillante. “Il titolo è stato molto forte per le indiscrezioni su un ingresso nel capitale del fondo sovrano China Investment Corporation, poi si è sgonfiato d‘immprovviso, segno che il mercato è dominato da movimenti speculativi”, commenta un dealer. Anche i diritti dell‘aumento ENEI_r.MI dopo una seduta forte chiudono con il segno meno.

* Prevalgono i rialzi tra le banche, ben intonate in Europa (+2,4%), con MPS (BMPS.MI) in progresso di circa il 4% e INTESA SP (ISP.MI) del 2,7%. In controtendenza BANCO POPOLARE BAPO.MI (-1,35%) ma dalle sale operative non giungono motivazioni specifiche. Prosegue il rally di BANCA PROFILO (PRO.MI) (+16,6%) a due giorni dalla nomina di Matteo Arpe alla presidenza.

* Debole LOTTOMATICA LTO.MI (-2,5%) penalizzata da prese di profitto dopo gli ultimi rialzi, dopo il parere positivo del Consiglio di Stato sull‘eventuale rinnovo della concessione del Gratta & Vinci. Sono anche usciti oggi i dati sulla raccolta giochi in Italia a maggio, che risulta in flessione rispetto ai dati di aprile. Un trader nota che la contrazione maggiore è stata realizzata dal Gratta&Vinci e questo, dice, potrebbe aver pesato sul titolo.

* Forte MAIRE TECNIMONT (MTCM.MI) che avanza del 6,7% dopo la lettera d‘intenti firmata ieri per un impianto per il trattamento del gas in Iran e dopo che oggi a Reuters l‘AD ha preannunciato un contratto da 250 milioni in Estremo Oriente nel terzo trimestre.

*Deboli MARIELLA BURANI MBFG.MI e ANTICHI PELLETTIERI AP.MI.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below