10 settembre 2009 / 16:10 / tra 8 anni

Borsa Milano chiude in lieve rialzo, bene titoli media

MILANO, 10 settembre (Reuters) - Gli indici di piazza Affari chiudono in modesto rialzo, una seduta contrastata tra segno positivo e negativo.

L‘indice Ftse Mib ha segnato un nuovo massimo dell‘anno a 23.025 dopo quello segnato a fine agosto a 22.908.

Non sembra ci sia la spinta per andare oltre in mancanza di novità sul fronte macro. Domani è atteso il dato sulla fiducia dei consumatori americani.

Il mercato va a ondate e oggi si acquistano media e immobiliari, cedono i bancari, bene gli assicurativi.

Il FTSE Mib .FTMIB guadagna lo 0,21%, il FTSE AllShare .FTITLMS lo 0,25% e il FTSE MidCap .FTITMC lo 0,06%. Volumi per circa 4,5 miliardi di euro.

* MEDIASET (MS.MI) sale del 3%, nonostante i giudizi degli analisti non positivi sul settore. Ieri Bernstein ha detto che la corsa delle tv generaliste gratuite, che hanno fatto molto bene dai minimi di marzo, è destinata a finire causa problemi strutturali e per la debolezza del mercato pubblicitario. La banca ha confermato per Mediaset “underperform” con target a 3,25 euro.

* Brillanti altri titoli del settore con RCS (RCSM.MI) che sale dell‘8%, MONRIF (EDII.MI) +5%.

* SEAT PG +5,2% dopo una sospensione al rialzo. Il titolo è molto volatile e su livelli molto contenuti. Secondo un dealer, aiuta la scia del lungo rally della concorrente Yell YELL.L.

* STM (STM.MI) +1,9% sotto i massimi di giornata, spinta dai ritocchi in positivo delle stime di società comparabili come Texas Instruments TXN.N e Asml (ASML.AS), ma anche dalle voci relative al fondo sovrano francese Fsi, che potrebbe farsi avanti per un pacchetto di azioni Stm messe in vendita dal gruppo nucleare Areva.

* TENARIS TNR.MI +2,4%. Cassa Lombarda vede vantaggi dall‘introduzione da parte del ministero del Commercio Usa di dazi su alcune importazioni di acciaio dalla Cina.

* Nell‘indice principale calano BANCO POPOLARE BAPO.MI e POPOLARE MILANO PMII.MI, vittime di prese di beneficio, con UNICREDIT (CRDI.MI).

* Perde l‘1,7% PRYSMIAN (PRY.MI), mentre un portavoce dell‘olandese Draka Holding DRAK.AS dichiara che proseguono le trattative per una possibile fusione tra le due società, aggiungendo che non c’è una scadenza per il negoziato, ma che “non potrà andare avanti per sempre”.

* Fuori dal listino principale, acquisti nel comparto immobiliare. Dopo essere stata sospesa in asta di volatilità con un teorico +23,5%, GABETTI (GABI.MI) guadagna il 15%. Ieri sera da Consob è arrivata l‘autorizzazione all‘aumento di capitale. AEDES (AEDI.MI) +8,8%, dopo aver annunciato il completamento con successo dell‘aumento di capitale da 150 milioni, di cui 40 milioni di euro circa sottoscritti da Vi-Ba srl dopo che erano rimasti inoptati.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below