9 luglio 2009 / 11:14 / tra 8 anni

Borsa Milano consolida rimbalzo con banche, aspetta Wall Street

MILANO, 9 luglio (Reuters) - Si consolida a fine mattinata il rialzo sull‘azionario milanese in una seduta di rimbalzo su tutte le borse europee. Piazza Affari è la più tonica delle altre per effetto del maggior peso dei bancari tornati in denaro dopo le recenti vendite.

Al clima sereno sul mercato, come evidenziato dalla bassa volatilità, contribuisce l‘andamento positivo dei futures sugli indici di Wall Street che lasciano intravedere un avvio positivo sul listino Usa.

“Oggi non ci sono temi specifici. I movimenti sono per lo più legati ai rimbalzi soprattutto per quanto riguarda le banche”, dice un trader.

“L‘unica storia sarebbe quella della gara per il canale di Panama che coinvolge Impregilo ma non si riesce a capire la scarsa reazione. Ci si aspettava molto di più”, aggiunge. Alle 13,00 l‘indice FTSE Mib .FTMIB guadagna l‘1,5% l‘AllShare .FTITLMS l‘1,4% e il FTSE Mid Cap .FTITMC dello 0,78%. Volumi poco sopra i 600 milioni di euro.

Alla stessa ora i futures sugli indici di Wall Street segnano rialzi tra lo 0,6% e lo 0,8%, mentre in Europa l‘indice benchmark DJ Stoxx 600 sale dell‘1%.

* In linea con il settore in Europa ben comprati i bancari dopo gli ultimi ribassi: UNICREDIT (CRDI.MI) sale del 3%, INTESA SANPAOLO (ISP.MI) del 2,5% e BANCO POPOLARE BAPO.MI del 2%. Debolezza sulle popolari UBI (UBI.MI) e POP MILANO PMII.MI.

“Si scommette al rialzo sui bancari in attesa di alcune importanti trimestrali americane del comparto nei prossimi giorni”, sostiene un trader.

* Fiacca IMPREGILO IPGI.MI (+0,3%) che non reagisce come atteso alla notizia di ieri sera sull‘offerta per la gara di amplimento del canale di Panama, risultata la migliore tra quelle presentate. Al contrario vola a Madrid l‘altra capocordata del consorzio che ha partecipato alla gara, Sacyr SVO.MC.

“La differenza delle performance è abbastanza singolare, anche se spiegabile con alcuni motivi legati solamente a Sacyr e che non riguardano la gara di Panama”, dice un‘operatrice.

“C’è cautela e la vittoria della gara non è data, a mio avviso giustamente, ancora per scontata”, aggiunge.

* Il recupero delle quotazioni del greggio e il rialzo dei target price da parte di alcuni broker sostengono in particolare SAIPEM (SPMI.MI) e ENI (ENI.MI) in progresso rispettivamente del 2% e dello 0,75%.

* Tra gli industriali acquisti su PIRELLI PECI.MI, PRSYSMIAN (PRY.MI) e FIAT FIA.MI. Forte, tra i tech, STM (STM.MI) in salita di oltre il 3%.

* Stabile FINMECCANICA SIFI.MI che ieri sera ha annunciato l‘emissione di un prestito obbligazionario per un totale di 800 milioni di dollari sul mercato Usa.

* Fuori dal paniere principale conferma il buon momento ELICA (ELC.MI) (+6,8%). Corre K.R ENERGY (KAIT.MI) a +13%: da lunedì prossimo saranno esercitabili i diritti d‘opzione sui warrant emessi dalla società.

Non si arresta la caduta di SAFILO (SFLG.MI), che perde oltre il 4%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below