8 dicembre 2008 / 12:09 / 9 anni fa

Borsa Milano prosegue positiva tra volumi scarsi, Eni locomotiva

MILANO, 8 dicembre (Reuters) - Continuano a privilegiare i listini di borsa al reddito fisso i flussi di acquisto degli investitori, per quanto in termini di volumi la sessione soffra del clima apertamante festivo della piazza italiana.

Intorno a metà seduta gli indici di Piazza Affari mostrano così un marcato segno positivo in sintonia al resto d‘Europa ma un‘attività ampiamente inferiore alla media.

“Molti operatori sono assenti e gli scambi sono davvero contenuti... in assenza di liquidità sono possibili rapide inversioni di tendenza” avverte un trader.

L‘impostazione di fondo resta tuttavia senza dubbio positiva, sulla scortaa delle aspettative sul pacchetto Usa a sostegno del settore auto e nuove misure pubbliche di rilancio non campo delle infrastrutture.

Ai bancari, a livello europeo in recupero di oltre 5% .SX7P, fa bene anche il via libera della Commissione ai pacchetti francese e austriaco per il salvataggio del sistema cerditizio nazionale, mentre da Bruxelles il commissario alla Concorrenza Neelie Kroes annuncia che a Berlino verrà chiesto di riformulare il piano per adattarlo al sostegno di Commerzbank.

Ultimo tassello favorevole alle borse il deciso rimbalzo del greggio, che scommette su un massiccio taglio dell‘offerta da parte dei ministri Opec.

“Tutti elementi positivi... non credo ci sposteremo molto dai livelli attuali fino all‘apertura di Wall Street ma i presupposti di ripresa ci sono, almeno per oggi” aggiunge l‘operatore.

Intorno alle 13 l‘indice S&P Mib .SPMIB avanza di 5,51%, mentre il Mibtel .MIBTEL recupera 4,79% e l‘Allstar .ALLST si ferma a +1,73%. Volumi ancora sotto tono per un controvalore di poco oltre 500 milioni di euro. Tutti al rialzo sugli schermi i futures della borsa Usa, con il derivato del Dow DJZ8 in avanzo di oltre 2,5%.

* A Milano principale stella del listino resta ENI, con un rialzo oltre 9% grazie all‘annuncio di Palazzo Chigi sabato scorso di un interesse della Libia ad arrivare intorno al 5% ma potenzialmente fino al 10% del capitale.

* Tra i bancari molto molto bene INTESA SANPAOLO (ISP.MI) a +6,5% e UNICREDIT (CRDI.MI) a +5,9%, mentre UBI BANCA (UBI.MI) accelera di 6,2% forte anche della promozione del giudizio da parte di Fitch.

* Molto peggio fa BANCO POPOLARE BAPO.MI, fino ad azzerare quasi interamente il balzo di 6% dell‘avvio. A una prima reazione positiva all‘annuncio di ieri sul cambio dell‘AD seguono timori da parte del mercato su patrimonializzazione e necessità di interventi per risollevare la fiducia.

* Brilla invece FIAT FIA.MI, con un recupero prossimo a 5% peraltro in linea al settore europeo .SXAP che beneficia della scia Usa. In un‘intervista ad ‘Automotive News’ l‘AD Sergio Marchionne ipotizza per l‘auto le prime concentrazioni a partire dal 2009 e spiega che Fiat non può continuare a lavorare da sola.

* Recupera oltre 5% anche TELECOM ITALIA (TLIT.MI), che ha ottenuto dai grandi azionisti Telco la disponibilità al reintegro delle garanzie sui titoli per 250 milioni. Secondo l‘ambasciatore libico Hafed Gaddur Tripoli ha altri interessi su società italiane ma esclude il campo delle tlc.

* Modesto +1% invece per TELECOM ITALIA MEDIA: l‘AD Giovanni Stella ha parlato a ‘Plus’ di sabato di ricavi in aumento del 14% a 300 milioni, mentre l‘Ebitda resta negativo e il rosso cresce di 18% a 65 milioni a causa dei costi di ristrutturazione

* Tra le società a media e piccola capitalizzazione avanza oltre 9% INVESTIMENTI E SVILUPPO IES_t.MI, che ha annunciato venerdì la cessione di 3,56% della controllata Investimenti e Sviluppo Mediterraneo.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below