7 novembre 2008 / 17:07 / tra 9 anni

Borsa Milano chiude tonica con Europa, Usa, bene energetici

MILANO, 7 novembre (Reuters) - Piazza Affari accelera nel pomeriggio e si lascia contagiare dal buon umore degli altri listini europei e dell‘America dove alle 17,40 Nasdaq .IXIC, Dow Jones .DJI e S&P .SPI guadagnano attorno all‘1,5%.

L‘S&P/MIB .SPMIB termina in rialzo dell‘1,41% a 21,911 punti, in linea con il Mibtel .MIBTEL (+1,36%), mentre l‘Allstars .ALLST si ferma a +0,64%. Volumi non particolarmente sostenuti, per poco più di due miliardi di euro.

“I dati sull‘occupazione americana usciti oggi sono stati bruttissimi eppure Wall Street corre portandosi dietro tutti i listini”, commenta Gian Maria Bergantino, gestore di Insinger de-Beaufort.

“Forse c’è voglia di rimbalzo dopo due giorni di storno pesante. Comunque i movimenti speculativi continuano ad andare per la maggiore”, aggiunge il gestore.

Nell‘euforia generale limano le pesanti perdite iniziali Fiat FIA.MI e i bancari, mentre Autogrill (AGL.MI) rimane la peggiore del listino e Telecom Italia (TLIT.MI), volatile per tutta la seduta, chiude brillante dopo la trimestrale.

* FIAT termina in netto calo, in controtrend rispetto allo Stoxx delle auto europee che, in un clima di elevata volatilità, alle 17,25 guadagnava l‘1% circa (per poi limare i guadagni alla luce dei dati General Motors (GM.N), arrivati appena prima della chiusura dei mercati europei). Il titolo termina sopra i minimi di giornata che l‘avevano fatta scendere a 5,92 euro, finendo a 6,137 euro (-3,3%).

“Il rinvio a giudizio (per aggiotaggio informativo) di (Franzo Grande) Stevens, (Gianluigi) Gabetti e (Virgilio) Marrone, oltre che della stessa Ifil e di Giovanni Agnelli, è l‘unica spiegazione valida per spiegare il calo del titolo, visto che a livello europeo lo Stoxx di settore sta salendo” dice un trader.

Concorda anche una trader: “Senza notizie societarie di rilievo, è il rinvio a giudizio che pesa sul titolo Ifil IFLI.MI e a cascata su Fiat”.

* Col vento in poppa i titoli legati al petrolio come SAIPEM (SPMI.MI) ed ENI (ENI.MI) (+2,8% l‘indice europeo). Nella stessa area chiude potente TENARIS (TENR.MI), che nella notte ha annunciato un utile trimestrale “molto superiore alle attese di tutti”, come dice una trader. Il titolo ha guadagnato il 7% circa.

* Rimbalza SEAT PGIT.MI, in rialzo del 3,3% dopo il -8,7% di ieri. Stamane, confermando indiscrezioni stampa, una fonte ha detto che i soci avrebbero tra le ipotesi allo studio anche quella di un aumento di capitale.

Secondo un trader “sarebbe il segno dell‘impegno dei soci di riferimento”. Concorda la trader: “si dice che sia una ricapitalizzazione garantita (da soci di maggioranza). comunque è un titolo che gli istituzionali non seguono, una penny stock”, nota.

* Con un andamento fortemente volatile durante la seduta, TELECOM ITALIA (TLIT.MI) chiude in netto rialzo nel giorno della trimestrale, dopo che in mattinata era arrivata a perdere più del 5% “per prese di profitto”, come dice un trader.

Gli operatori sottolineano che i dati sono stati buoni e che sono stati confermati i principali target per quest‘anno.

* Non riesce a recuperare AUTOGRILL (AGL.MI) (-4,9%), che ieri aveva resistito un po’ meglio all‘ondata generalizzata di vendite. In una nota, Cassa Lombarda sottolinea che la nuova stima sull‘utile 2008 è inferiore alle stime di consensus.

* Migliorate sul finale le banche (+0,2% lo Stoxx europeo), con UNICREDIT (CRDI.MI) che ha girato di nuovo in positivo nel pomeriggio (+1,6%) ed INTESA (ISP.MI) che ha limato le perdite, per chiudere in calo di un marginale 0,3%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below