7 ottobre 2009 / 09:28 / 8 anni fa

Borsa Milano positiva senza convinzione, bene Tenaris, giù Enel

MILANO, 7 ottobre (Reuters) - Piazza Affari prosegue in cauto rialzo senza mostrare particolare convinzione in attesa che l‘avvio della stagione delle trimestrali Usa riesca a dare maggiori indicazioni sullo stato di salute delle società e dell‘economia.

Dalle sale operative prevale un senso di incertezza in questa fase e l‘operatività rimane imitata a piccoli aggiustamenti di potafoglio.

“Non ci sono spunti. Il mercato sembra terra di nessuno, non si riesce a capire la direzionalità, si sono rotti tutti gli schemi. Ad esempio, quando l‘oro sale solitamente indica un ritracciamento del mercato e invece ora sembra l‘opposto”, commenta un trader.

Poco dopo le 11,00, l‘indice FTSE Mib .FTMIB e l‘Allshare .FTITLMS segnao rialzi dello 0,4%, mentre il Mid Cap .FTITMC avanza dello 0,3%. Volumi per 875 milioni di euro circa.

* Tra i migliori del listino principale TENARIS (TENR.MI) sale del 2,4% spinta dal rialzo del target price di Credit Suisse a 14 euro.

* Acquisti nel lusso com BULGARI BULG.MI e GEOX (GEO.MI) in rialzo rispettivamente del 2,8%e dell‘1,4%. Un trader cita degli upgrade sulle due società da parte di una banca italiana. Bene anche LUXOTTICA (LUX.MI) (+1,6%).

* Spunti positivi tra i bancari. In particolare POP MILANO PMII.MI conferma il buon momento con un guadgano dell‘1,8%. Al movimento di oggi, segnala un trader, contribuisce il rialzo del target price di una banca estera. Deboli MEDIOBANCA (MDBI.MI), INTESA SANPAOLO (ISP.MI) e BANCO POPOLARE BAPO.MI. * Piatta MEDIASET (MS.MI) mentre MONDADORI (MOED.MI) sale dello 0,5% dopo la corsa delle ultime sedute sulle scommesse per i dividendi che le società che fanno capo a Fininvest potrebbero distribuire per pagare il maxi-risarcimento a Cir (CIRX.MI). La holding del gruppo De Benedetti viaggia in terreno negativo con un calo dei mezzo punto percentuale circa.

* Prosegue l‘interesse del mercato per PIRELLI PECI.MI (+1,3%). Banca Akros ha rivisto del 17% al rialzo il target price sul titolo a 0,49 euro confermando il giudizio “buy” sulla scorta di una rivalutazione di Pirelli Tyre, il principale asset del gruppo.

“Se Pirelli & C dovesse separare Pirelly Tire da Pirelli Real Estate, la società diventerebbe certamente un player industriale puro, eliminando le basi per lo sconto holding”, si legge in un report

* Il listino è frenato anche da alcuni energetici, in particolare ENEL (ENEI.MI) (-0,4%) dopo il taglio del target price da parte di JP Morgan. * Ancora interese sul risparmio gestito. Nel comparto si distingue AZMIUT (AZMT.MI) (+4,5%). Akros ha alzato il target price a 10 da 9 euro, confermando “accumulate”, dopo che ieri il management ha dato un aggiornamento della guidance anche alla luce dei possibili effetti derivanti dallo scudo fiscale.

* Sempre tra i titoli minori SEAT PGIT.MI sale del 6,4%. Un operatore segala “flussi sul titolo da qualche giorno”, ma non trova particolari ragioni. Guadagni di oltre il 4% per TISCALI (TIS.MI) e BENETTON BNG.MI.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below