19 marzo 2013 / 16:13 / 5 anni fa

Borsa Milano peggiora su timori crescenti Cipro, alcune banche in asta

MILANO, 19 marzo (Reuters) - Il calo di Piazza Affari sfiora il 2% a circa mezz‘ora dalla chiusura delle contrattazioni sui timori crescenti che il pacchetto di salvataggio di Cipro non passi l‘esame del Parlamento sollevando interrogativi sulle conseguenze per tutta l‘Europa.

Voci riportate da un trader dicono che Cipro potrebbe addirittura uscire dall‘euro in caso di bocciatura del piano e questo aggiunge nervosismo sui mercati.

Pagano lo scotto dell‘incertezza i titoli bancari anche sull‘incremento dello spread fino in area 335. Oggi peraltro l‘Eba ha pubblicato il rapporto sullo stato di avanzamento verso Basilea 3 che mostra per le 44 banche del gruppo 1 uno shortfall patrimoniale di 112,4 miliardi, 86 miliardi in meno della precedente rilevazione.

Intorno alle 17 l‘indice FTSE Mib cede l‘1,67% ma ha sfiorato anche -2%, l‘Allshare l‘1,59%.

Tra i bancari sono in asta di volatilità POP EMILIA , BANCO POPOLARE, MEDIOBANCA e UBI BANCA. Cali del 4% e del 3% per UNICREDIT e INTESA rispettivamente.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below