30 dicembre 2011 / 10:13 / tra 6 anni

Premafin vola su ipotesi nuovi soci, bene anche Fonsai

MILANO, 30 dicembre (Reuters) - Vola Premafin , sospesa al rialzo, bene anche la controllata Fondiaria-Sai sulle indiscrezioni di stampa secondo cui nuovi investitori potrebbero entrare nella holding che possiede il 36% della compagnia di assicurazioni, attraverso un aumento di capitale, in modo da avere le risorse per sottoscrivere la ricapitalizzazione fino a 750 milioni di euro di FonSai.

Intorno alle 11 Premafin è sospesa al rialzo con una crescita teorica del 16,71% a 0,125 euro. Prima della sospensione i volumi erano pari a 330.000 pezzi circa, già sopra la media a 30 giorni. Fonsai balza del 3,9% a 0,6210 euro con oltre un milione scambi, ben sotto la media. Piatta Milano Assicurazioni.

“Su Premafin c’è attesa per il possibile ingresso di nuovi soci, come scrivono alcuni quotidiani, consentendo così alla holding di sottoscrivere l‘aumento di capitale di Fonsai”, osserva un trader.

Mantenere per Premafin un ruolo di peso in Fondiaria Sai sarebbe di gran sollievo per i creditori della holding del gruppo Ligresti che, in caso invece di una forte diluizione, si troverebbero esposti verso una società senza asset di rilievo.

“La catena (del salvataggio) deve partire da Premafin. Non è detto che Premafin aumenti il capitale ma qualcuno in Premafin deve entrare”, ha detto due giorni fa una fonte vicina al dossier.

Il quotidiano MF scrive che Mediobanca avrebbe sondato la disponibilità del fondo Clessidra, di Apax e della lussemburghese B&D Finance della famiglia Boroli-Drago.

Secondo un analista di una banca d‘affari straniera, “l‘indiscrezione fa sicuramente bene a Premafin, ma un po’ meno a Fonsai il cui unico appeal spoeculativo sarebbe legato a un‘eventuale Opa a cascata che in questo caso non dovrebbe avere luogo perché si tratta di un‘operazione di salvataggio”.

Se la famiglia Ligresti cederà, infatti, i diritti dell‘eventuale aumento di Premafin a questi investitori, i Ligresti perderebbero il controllo della holding prefigurando, pertanto, l‘obbligo di Opa da parte dei nuovi investitori a cascata sulle controllate Fonsai e Milano assicurazioni.

Ma per l‘Opa c’è esenzione quando il passaggio di controllo si configura come un salvataggio.

(Giancarlo Navach)

(Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129518, Reuters messaging: giancarlo.navach.reuters.com@reuters.net) Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below