6 novembre 2008 / 12:17 / tra 9 anni

Borsa Milano riduce perdite dopo taglio tassi BoE, attende Bce

MILANO, 6 novembre (Reuters) - Piazza Affari, insieme alle altre borse europee, aspetta in territorio negativo la decisione della Bce che dovrebbe varare un nuovo taglio dei tassi.

Le previsioni, già scontate dai mercati, sono per un taglio di mezzo punto percentuale. Intanto la Banca d‘Inghilterra ha tagliato il tasso chiave di 150 punti base facendo diminuire le perdite delle borse europee.

“Se la Bce dovesse sorprendere con un taglio più marcato la borsa potrebbe avere uno spunto rialzista, ma lo ritengo poco probabile”, commenta un trader.

Nel frattempo il mercato continua ad essere influenzato negativamente dalla pesante chiusura dell‘azionario americano e, terminato l‘effetto elezioni Usa, ritorna a concentrarsi sui risultati e prospettive delle società.

“Quello che preoccupa maggiormente è l‘incremento della volatilità che fa prevedere anche per le prossime sedute variazioni consistenti”, aggiunge un altro operatore.

Alle 13,00 l‘indice S&P/MIB .SPMIB segna un calo dell‘1,4%, il Mibtel .MIBTEL dell‘1,68%, mentre l‘Allstars .ALLST cede l‘1,75%. Volumi deboli, pari a oltre 800 milioni di euro.

I futures sugli indici Usa viaggiano in calo con perdite intorno ad un punto percentuale.

* Tra i peggiori del listino principale AUTOGRILL (AGL.MI) cede il 4% in attesa della trimestrale che alcuni analisti stimano debole a livello di risultato netto. Attesa sui conti del trimestre anche per TENARIS (TENR.MI) (-4,66%), titolo legato al settore petrolifero debole in tutta Europa (Stoxx -2%) sui ritracciamenti delle quotazioni del greggio.

Nel comparto SAIPEM (SPMI.MI) cede circa il 3,4% ed ENI (ENI.MI) il 2%. In controtendenza ERG (ERG.MI) a +7% in attesa della finalizzazione dell‘accordo da 1,35 miliardi con la russa Lukoil, che secondo fonti industriali potrebbe arrivare già oggi

Debolezza sui titoli del lusso BULGARI BULG.MI e LUXOTTICA (LUX.MI) insieme alle costruzioni come IMPREGILO IPGI.MI.

* Tra i bancari UNICREDIT (CRDI.MI) e MPS BMPS.MO, cedono il 2% e il 2,5% rispettivamente in linea all‘andamento del settore in Europa. Piatta MEDIOBANCA (MDBI.MI).

* TELECOM ITALIA (TLIT.MI) tra i migliori dell‘S&P/Mib, ferma le perdite a -0,4% alla vigilia della trimestrale e dopo il buon rialzo di ieri.

I trader citano, oltre ai buoni conti riportarti ieri dalla controllata brasiliana TIM Participacoes e la conferma dei target 2008 annunciati oggi dalla tedesca Deutsche Telekom (DTEGn.DE), le indiscrezioni sull‘incontro del Cda della Libyan Investment Authority che potrebbe avanzare una proposta ai vertici di Telecom per un ingresso nel capitale.

“Visto il Cda di Telecom domani colpisce la tempistica”, commenta un trader.

* Tengono alcuni difensivi come gli energetici SNAM (SRG.MI) e TERNA (TRN.MI) mentre è positiva FASTWEB FWB.MI (+1,65%) dopo la brillante perfomance di ieri sull‘onda dei risultati del trimestre.

* Tra le small e mid cap da segnalare il calo di oltre scivola di circa il 10% PIRELLI RE (PCRE.MI) penalizzata dai deboli conti trimestrali annunciati ieri e dall‘outlook poco confortante.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below