21 ottobre 2011 / 10:19 / 6 anni fa

Borsa conferma rialzo a metà seduta con banche

MILANO, 21 ottobre (Reuters) - Piazza Affari conferma i guadagni a metà seduta, pur mantenendosi sotto i massimi. Milano fa meglio degli altri mercati azionari europei grazie allo sbilanciamento dell‘indice benchmark sui bancari, protagonisti oggi di un vigoroso rimbalzo in tutto il Vecchio Continente. Un portavoce del governo tedesco che ha detto che il vertice Ue, chiamato a dare una risposta alla crisi del debito sovrano, si terrà in due fasi con un doppio summit, uno domenica e uno mercoledì in quanto non si è ancora raggiunto un completo accordo sui dettagli. Le decisioni saranno prese senza dubbio nella seconda fase del vertice, mercoledì, ha aggiunto.

Intorno alle 12,10 il Ftse Mib viaggia vicino ai minimi di seduta, in rialzo di poco meno di un punto percentuale con MEDIOBANCA che vira in negativo. Il FTSEurofirst 300 sale dello 0,55%.

“I mercati navigano a vista, io continuo a guardare lo spread che è sopra i 400 pb e i rendimenti del decennale al 6%: segnali di profonda sfiducia verso il nostro Paese”, osserva un trader definendo, tuttavia, “molto positiva” la scelta di Ignazio Visco alla guida della Banca d‘Italia.

Offre sostegno anche l‘andamento positivo dei futures sugli indici a Wall Street ma il derivato sul benchmark milanese si trova poca sopra il supporto posto a 15.700/600 punti, sotto il quale ci sarebbe un incisivo segnale di indebolimento in direzione 15.240 punti.

* Forti UNICREDIT e INTESA SP ma anche MPS e BANCO POPOLARE . Il DJ Stoxx dei bancari avanza dell‘1,55%.

* Rimbalza anche PRYSMIAN , penalizzata ieri da un downgrade di Goldman.

* Nella seconda parte della mattinata si rafforza LUXOTTICA , che rende nota la trimestrale lunedì.

* ENEL soffre per il declassamento di Citigroup a “sell”, con riduzione del prezzo obiettivo a 2,8 da 3,5 euro. Ieri, secondo il Sole 24 ore, il cda si sarebbe riunito a Madrid e l‘AD Fulvio Conti avrebbe lasciato intendere che l‘utile lordo 2011 dovrebbe essere in linea con quello del 2010.

“A prima vista questa affermazione è leggermente più cauta delle nostre stime che puntano a una crescita dell‘utile lordo del 10%”, si legge in un report di Mediobanca.

* Venduta anche la controllata ENEL GREEN POWER , di cui il broker ha limato il target price a 1,55 da 1,6 euro.

* Festeggia viceversa BUZZI UNICEM , dopo che Goldman Sachs ha promosso il titolo a “neutral” dal precedente “sell”.

* Fuori dal paniere principale, forte rialzo per YORKVILLE BHN dopo che il cda di ieri, rieccheggiando una decisione simile presa di recente dal consiglio di JUVENTUS ha deciso di non annullare le azioni proprie, nell‘ambito della copertura delle perdite e dell‘aumento di capitale, per tutelare gli azionisti di minoranza.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below