5 marzo 2009 / 12:42 / tra 9 anni

Borsa Milano ai minimi seduta, pesante Mediolanum,giù B.Popolare

MILANO, 5 marzo (Reuters) - Piazza Affari scivola sui minimi in attesa della decisione della Bce sui tassi, mentre la Banca d‘Inghilterra ha annunciato un taglio dei tassi di 50 punti base.

Sul listino milanese si confermano i realizzi dopo il rimbalzo della vigilia, concentrati soprattutto su energetici, telefonici e sui quei titoli bancari che avevano guadagnato maggiormente ieri.

Alle 13,30 l‘indice S&P/Mib .SPMIB registra un calo del 3,4%, il Mibtel .MIBTEL del 3,2% mentre l‘AllStar .ALLST è in ribasso dell‘1,8%. Volumi per 800 milioni di euro circa.

L‘indice benchmark europeo Stoxx 600 cede oltre il 2%. Viaggiano in terreno negativo i futures sugli indici di Wall Street.

* Nel settore dei finanziari in forte calo BANCO POPOLARE BAPO.MI, a -8% dopo la conferma di contatti in corso tra i soci del patto della partecipata BANCA ITALEASE BIL.MI sull‘ipotesi di delisting della società di leasing che invece balza di oltre il 12%.

* Pressione in lettera anche per INTESA SANPAOLO (ISP.MI) e UNICREDIT (CRDI.MI), in calo di oltre il 5%. Sprofonda MEDIOLANUM MED.MI (-9,2%) mentre gli ultimi dati sulla raccolta dei fondi confermano il trend negativo.

“Rispetto agli altri finanziari Mediolanum era il titolo che aveva tenuto meglio, ora segue l‘andamento del sttore”, commenta un trader. Cali anche tra gli assicurativi.

Lo Stoxx europeo dei bancari è in calo del 4,3%.

* Sugli energetici i realizzi si concentrano in particolare modo su TENARIS (TENR.MI) in calo del 6% dopo il +10% di ieri. Vendite anche su ENI (ENI.MI) che scende del 3,6%.

* In deciso calo TELECOM ITALIA (TLIT.MI) (-4,15%) che si comporta peggio del settore di riferimento europeo (Stoxx telefonici -2,5%). La stampa riporta che la società ha autorizzato l‘emissione entro marzo 2010 di prestititi obbligazionari non convertibili fino a 6,5 miliardi.

“In un periodo in cui il mercato è particolarmente sensibile alla questione debito, la notizia sul programma di emissione non ha fatto certo piacere”, commenta un trader.

Oggi l‘AD Franco Bernabè ha detto che il programma di finanziamento della società non è cambiato rispetto a quanto è già noto al mercato.

* Tra i rialzi IMPREGILO IPGI.MI rimbalza del 3,5% ulle attese sul Cipe domani che dovrebbe dare il via libera al pacchetto di grandi opere cantierabili entro sei mesi con un investimento complessivo di 16,6 miliardi. Mini-rally di AUTOGRILL (AGL.MI) a +1,5%.

* Ritraccia FIAT FIA.MI (-3,4%) dopo una partenza sprint e all‘indomani del balzo record di oltre il 14%.

* Fuori dall‘indice principale di Piazza Affari ben comprata PININFARINA PNII.MI. BENI STABILI (BNSI.MI) scivola del 12% dopo i risultati di ieri e la smentita di una fusione allo studio con controllante Fonciere des Regiones (FDR.PA). Pesa anche la bocciatura di Cheuvreux a “underperform”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below