25 luglio 2008 / 10:55 / 9 anni fa

Borsa Milano negativa con banche e assicurativi, tiene Fiat

MILANO, 25 luglio (Reuters) - Piazza Affari viaggia negativa sotto il peso dei finanziari, con le banche che risentono di uno studio di Citigroup secondo cui il peggio per il settore italiano si materializzerà dal 2009 e gli assicurativi zavorrati dai profit warning di due compagnie tedesche.

“Il mercato è partito fiacco in scia a Wall Street, ma poteva ancora recuperare. Gli annunci di Hannover Re (HNRGn.DE) e Munich Re (MUVGn.DE), invece, hanno scombussolato le carte. Riprendersi oggi sarà difficile”, afferma un operatore.

Alle 13,00 l‘indice S&P/Mib .SPMIB segna -0,79%, il Mibtel .MIBTEL è in calo dello 0,47% e l‘AllStars .ALLST scende dello 0,62%.

* Le banche restano sotto pressione dopo che Citigroup ha abbassato le stime di profitto del settore italiano del 5% nel 2008 e del 7% nel 2009. INTESA SANPAOLO (ISP.MI), che ieri ha chiuso in progresso del 3,34%, cede l‘1,63%. UNICREDIT (CRDI.MI) arretra del 3% dopo una vigilia in progresso dello 0,49%. Continua a perdere BANCO POPOLARE BAPO.MI: -2,24% dopo il -2,56% collezionato ieri. POPOLARE MILANO PMII.MI scende dell‘1,9%. I maggiori istituti scontano oggi il taglio del target price da parte di Citigroup. Lo stoxx paneuropeo di settore .SX7P lascia sul tappeto il 3,56%.

* L‘ondata di vendite sugli assicurativi .SXIP (-6% lo Stoxx di settore) dilaga anche a Milano, dove le compagnie del comparto però si difendono meglio delle omologhe europee. FONDIARIA SAI FOSA.MI, ALLEANZA ALZI.MI, GENERALI (GASI.MI) e UNIPOL (UNPI.MI) perdono rispettivamente il 4,1%, il 3,24%, il 2,93% e il 2,76%. Al di fuori del paniere delle blue-chip, CATTOLICA ASSICURAZIONI (CASS.MI) cala del 4,46%.

* Prosegue il rimbalzo dei difensivi. Bene i petroliferi “grazie all‘ascesa del greggio di due dollari”, segnala una trader. TENARIS (TENR.MI) guida i rialzi del listino principale con +3,44% ed ENI (ENI.MI) fa +1,61%. SAIPEM (SPMI.MI), ieri fanalino di coda dell‘S&P/Mib con -4,5%, avanza oggi del 2,61%.

* FIAT FIA.MI sale dello 0,87%. il titolo è “discreto dopo il calo di ieri”, dice un trader.

* Piatta IMPREGILO IPGI.MI. Secondo un trader, il titolo resterà debole “fino a quando non sarà risolta la faccenda del sequestro da parte del tribunale del riesame”. Inoltre, “l‘aumento dei tassi d‘interesse penalizza sempre società fortemente indebitate come Impregilo”.

* Realizzi sui titoli protagonisti della vigila. BULGARI BULG.MI cede l‘1,64% e GEOX (GEO.MI) lo 0,82%.

* Seduta poco convincente per PARMALAT (PLT.MI) con il mercato che, ipotizza un dealer, “potrebbe aver letto come uno stop le preoccupazioni sollevate dall‘Antitrust australiana” in merito all‘offerta del gruppo per il produttore caseario Dairy Farmers.

* Tra le piccole, LANDI RENZO (LR.MI) avanza del 2,33% con i trader che citano miglioramenti del target price da parte di due broker. TERNIENERGIA (TRNI.MI), al debutto sull‘Expandi2, sale del 16,92%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below