4 settembre 2008 / 07:34 / 9 anni fa

Piazza Affari, realizzi a pioggia, scivolano Fiat e Italcementi

MILANO (Reuters) - Piazza Affari estende le perdite sul finale di seduta, arrivando a chiudere in netto calo alla pari delle altre borse europee, che hanno accentuato la discesa su preoccupazioni per la crescita stimolate anche dalle parole della Bce.

<p>Un'immagine della Borsa di Milano. REUTERS/Daniele La Monaca DLM/TZ</p>

Wall street delusa in particolare dai dati sull‘occupazione Usa ha contribuito all‘indebolimento.

Gli investitori sono decisi a trarre profitto nonostante la mancanza di spunti particolari. “E’ un mercato lunatico e volatile, che perde quello che aveva guadagnato”, commenta un trader, secondo cui mancano veri motivi per vendere.

“Il dato macro per me più importante di oggi, l‘indice Ism, è stato migliore delle attese. Questo mi fa pensare che si tratti di semplici realizzi”.

A fine scambi l‘indice S&P/Mib è sceso del 2,85%,il Mibtel del 2,79% mentre l‘Allstars dell‘1,84%. Volumi per 4,4 miliardi di euro.

* La discesa del petrolio butta giù i titoli del settore oil, che hanno difeso la parità per buona parte della seduta. ENI cede il 2,3% e SAIPEM l‘1,64%.

* Dopo una mattinata su toni decisamente sostenuti, FIAT chiude in calo del 5,19% a 10,69 euro. Secondo un trader, si tratta di un “calo fisiologico da parte di un titolo che aveva sovraperformato il settore grazie a indiscrezioni stampa di accorciamento della catena societaria”.

Per spiegare il brusco ritracciamento un altro operatore cita anche i dati sulle immatricolazioni di auto in Brasile, che hanno segnato un calo ad agosto del 15,1% rispetto a luglio.

Nella galassia Agnelli, le IFI priv hanno segnato un ribasso del 4,62%, mentre le IFIL ordinarie e le risp sono arretrate di oltre il 2%.

* Debolezza sui bancari in linea all‘andamento del settore in

Europa (Stoxx -3,5%). La peggiore tra le big è stata BANCO POPOLARE: -5,81%. In un‘intervista al Corriere della Sera l‘AD Fabio Innocenzi ha escluso nuove acquisizioni e ha smentito ancora le ipotesi di matrimonio con UBI BANCA (-3,26%). Le vendite hanno riguardato anche INTESA SANPAOLO (-3,7%), MPS (-2,67%) e POP MILANO (-2,75%).

* Realizzate SEAT PAGINE GIALLE, che ha perso il 4,4% dopo gli ultimi forti guadagni, e ITALCEMENTI, in calo del 3%.

* Brutta seduta anche per STM, che ha lasciato sul tappeto il 5,51%, condizionata da “un contesto negativo a livello globale”, dice un trader, riferendosi alla performance deludente dei tecnologici americani.

* Il taglio da parte di Lehman a “equal-weight” da “overweight” ha mandato al tappeto PARMALAT, terminata in calo del 4,48%.

* Tra i titoli minori S.S. LAZIO è salita del 5,71%. Vendute PIAGGIO, in calo del 6,46%, e UNI LAND, che ha perso il 6,13%.

AMPLIFON ha inizialmente festeggiato l‘annuncio dell‘ammissione al segmento Star con picchi oltre il 4%, per poi chiudere in rialzo dello 0,7%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below