30 gennaio 2008 / 10:37 / tra 10 anni

Borsa Milano cauta in attesa Fed, bene Mondadori,giù petroliferi

MILANO, 30 gennaio (Reuters) - Piazza Affari prosegue la mattinata in calo senza particolari spunti di rilievo tra mercati europei cauti in vista della decisione della Federal Reserve Usa sui tassi di interesse stasera.

Dopo i rialzi di ieri la pressione in vendita colpisce in primo luogo gli energetici e auto, sotto pressione in tutta Europa

“Prevale la cautela in attesa della Fed, ma in questa fase della giornata pesano soprattutto i ribassi delle borse asiatiche”, commenta un trader.

Alle 11,10 circa l‘indice S&P/Mib .SMIB scende dell‘1,06% il Mibtel .MIBTEL dello 0,96%. Cede lo 0,26& l‘AllStar .ALLST

* In fondo al listino principale SAIPEM (SPMI.MI), reduce dai forti guadagni della vigilia, perde il 3% senza beneficiare della promozione a “buy” da parte di Deutsche Bank. Male anche ENI (ENI.MI) -1,9% in linea con lo stoxx di settore. Jp Morgan ha tagliato il target price del gruppo italiano a 27 euro.

“E’ tutto il comparto che cede oggi dopo gli ultimi rialzi”, si limita a commentare un operatore.

* Nel resto degli energetici e titoli correlati A2A (A2.MI) perde l‘1,3% e TENARIS (TENR.MI) l‘1,4%. Peggio EDISON EDN.MI (-2,3%). Secondo Santander il quarto trimestre di Foro Bonaparte dovrebbbe essere più debole rispetto alla precedenti previsioni. In un report di ieri la banca d‘affari riduce il target price a 2,50 da 2,65 euro confermando “buy”.

* Tra i rialzi MONDADORI (MOED.MI) (+3,6%) stacca i pochi titoli positivi dell‘S&P/MIB sostenuta ancora dal recente “buy” di Citigroup e al centro di indiscrezioni su un possibile interesse per l‘editore francese Editis.

* Sotto tono i finanziari con GENERALI (GASI.MI) in calo del 2% circa. Scarsi spunti sui bancari con BANCO POPOLARE BAPO.MI poco mosso in attesa di novità sul futuro della propria partecipazione in BANCA ITALEASE BIL.MI. L‘istituto di leasing prosegue il forte rimabalzo (+5,2%) dopo la conferma di ieri dell‘impegno dei vertici nella ricerca di un possibile partner strategico, operazione che potrebbe coinvolgere la quota detenuta dal socio di riferimento Banco Popolare.

“Sarebbe una buona notizia per gli spread di Banco Popolare in quanto si riduce l‘incertezza sull‘impatto finale dell‘esposizione sui derivati di Banca Italease” dice Natixis.

* Realizzi su LUXOTTICA (LUX.MI) (-1,8%), nonostante Lehman abbia alzato il target price a 16,5 da 15,5 euro, mantenendo il giudizio “underweight”.

Prosegue la fase di correzione SEAT PGIT.MI, -1,8%.

* In un panorama negativo per le auto europee (Stoxx -1,7%) FIAT FIA.MI limita i cali allo 0,7% dopo che Goldman Sachs ha tagliato il target price a 19 da 26 euro, confermando “buy”.

* Si indebolisce ATLANTIA (ATL.MI) (-1,2%) dopo che ieri la spagnola Abertis (ABE.MC) ha ufficializzato l‘uscita da Schemaventotto, la cassaforte che controlla la società autostradale in cui gli spagnoli partecipano con il 13,3%. Al termine della scissione gli spagnoli avranno in mano direttamente il 6,67% di Atlantia.

* Tra i minori INVESTIMENTI E SVILUPPO MEDITERRANEO IESM.MI al debutto oggi sull‘Mtf ha chiuso l‘asta di apertura a 1,19 euro. In una nota stamani la società comunica di avere ridotto l‘offerta a 49,7 milioni di azioni circa dai 100 milioni inizialmente previsti. I titolo sono stati offerti a un prezzo di sottoscrizione di 1 euro.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below