30 gennaio 2008 / 12:13 / 10 anni fa

Borsa Milano conferma calo in attesa Usa, scivola Italcementi

MILANO, 30 gennaio (Reuters) - La borsa milanese si presenta al giro di boa di metà seduta confermando la debolezza dell‘avvio, risentendo in particolare modo del calo degli energetici e petroliferi.

Su mercato prevale la cautela in attesa dei dati Usa sul Pil, nel pomeriggio, ma soprattutto della decisione della Fed sui tassi in serata.

“Rimane qualche incertezza sull‘entità del taglio dei tassi di interesse da parte della banca centrale Usa”, commenta un operatore. Il mercato sconta in prevalenza un taglio di 50 pb.

Alle 13,00 l‘indice S&P/Mib .SMIB scende dello 0,98%, il Mibtel .MIBTEL dello 0,91%. Cede lo 0,29% l‘AllStar .ALLST.

In lieve calo i futures sugli indici della borsa Usa, Il derivato sul Dow DJH8 è in frazionale ribasso dello 0,09%, quello sull‘indice S&P SPH8 dello 0,21% e sul Nasdaq NDH8 dello 0,47%.

* Tra i petroliferi SAIPEM (SPMI.MI), reduce dai forti guadagni della vigilia, perde il 2% senza beneficiare della promozione a “buy” da parte di Deutsche Bank. Male anche ENI (ENI.MI) -1,9% in uno Stoxx di settore che perde un punto percntuale. Jp Morgan ha tagliato il target price del gruppo italiano a 27 euro.

* Nel resto degli energetici e titoli correlati A2A (A2.MI) perde lo 0,7% e TENARIS (TENR.MI) il 2% circa. Peggio EDISON EDN.MI (-2%). Secondo Santander il quarto trimestre di Foro Bonaparte dovrebbbe essere più debole rispetto alla precedenti previsioni. In un report di ieri la banca d‘affari riduce il target price a 2,50 da 2,65 euro confermando “buy”.

* Scivola in fondo all‘indice S&P/Mib, ITALCEMENTI ITAI.MI con un calo del 4,3% A pesare sul titolo, secondo un trader, è la notizia sull‘arresto dell‘AD e di altri dirigenti della controllata Calcestruzzi.

* Tra gli spunti positivi MONDADORI (MOED.MI) balza di oltre il 5% sostenuta ancora dal recente “buy” di Citigroup e in parte dalle indiscrezioni su un possibile interesse per l‘editore francese Editis.

* PARMALAT (PLT.MI) prosegue la fase di recupero che vede oggi il titolo in rialzo dell‘1%. Santander ha avviato la copertura con “neutral” e un prezzo obiettivo a 2,6 euro.

* Sotto tono i finanziari con GENERALI (GASI.MI) in calo dell‘1,8% circa. L‘AD Sergio Balbinot ha detto che la compagnia guarda con attenzione al mercato statunitense, ma ha un approccio selettivo che guarda a segmenti specializzati e non è disposta a operazioni a qualsiasi prezzo.

* Ritraccia BANCO POPOLARE BAPO.MI (-0,5%) in attesa di novità sul futuro della propria partecipazione in BANCA ITALEASE BIL.MI. L‘istituto di leasing prosegue il forte rimbalzo con un guadagno del 9% e forti scambi dopo la conferma di ieri dell‘impegno dei vertici nella ricerca di un partner strategico, operazione che potrebbe coinvolgere la quota detenuta dal socio di riferimento Banco Popolare.

* Realizzi su LUXOTTICA (LUX.MI) (-2,7%), nonostante Lehman abbia alzato il target price a 16,5 da 15,5 euro, mantenendo il giudizio “underweight”.

* In un panorama negativo per le auto europee (Stoxx -2%) FIAT FIA.MI perde l‘1,5% dopo che Goldman Sachs ha tagliato il target price a 19 da 26 euro, confermando “buy”. Vendite ancghe sugli editoriali MEDIASET (MS.MI) e SEAT PGIT.MI, settore in lettera in tutta Europa

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below