23 luglio 2008 / 11:27 / 9 anni fa

Borsa Milano prosegue tonica con Fiat, bene banche e Autogrill

MILANO, 23 luglio (Reuters) - Borsa Milano prosegue la marcia in territorio positivo, con gli indici principali al di sopra del punto percentuale di rialzo alla pari delle principali piazze europee, ancora galvanizzate dal rally di ieri di Wall Street.

“Il mercato è partito bene con gli Usa e i settori ne beneficiano quasi tutti. Protagoniste le banche. I volumi sono scarsi e connotano la ripresa di oggi come rimbalzo tecnico. Il contesto è ‘bullish’ con molto spazio per la speculazione e poco per i fondamentali”, commenta un trader.

Alle 13,00 l‘indice S&P/Mib .SPMIB sale dell‘1,76%, il Mibtel .MIBTEL dell‘1,5% e l‘AllStars .ALLST dello 0,75%. Volumi a 1,8 miliardi di euro.

* FIAT FIA.MI apre il listino delle blue-chip con un rialzo di oltre il 7% a 11,19 euro dopo aver toccato un picco a 11,30 euro sull‘onda della trimestrale. “I dati sono superiori alle attese, seppur in un contesto di rallentamento del settore auto”, osserva un trader. “Il livello del debito è sotto controllo, in discesa a 510 milioni di euro da 1,1 miliardo del trimestre precedente”. Gli scambi sono a quasi 29 milioni di pezzi, più del 2% del capitale contro una media giornaliera degli ultimi trenta giorni di 40,5 milioni di pezzi.

In mattinata il titolo guadagnava già il 5% grazie “ai risultati della controllata americana Cnh CNH.N, all‘accordo con Tata Motor (TAMO.BO) e alle parole di ottimismo sui conti del trimestre pronunciate ieri dal presidente Luca Cordero di Montezemolo”, spiegava un‘operatrice.

A livello europeo, lo stoxx di settore .SXAP avanza del 4,02% per merito anche dei dati migliori delle attese di Peugeot Citroen (PEUP.PA) e Volkswagen (VOWG.DE). I tre big dell‘auto, alla pari di Fiat, hanno confermato la guidance.

* Sotto i riflettori STM (STM.MI) che sale del 3,19% sull‘annuncio di una riduzione della perdite netta nel secondo trimestre e di un miglioramento del giro d‘affari. A spingere la società di chip italo-francese, secondo un trader, anche “Ericsson (ERICb.ST) che ieri ha annunciato utili oltre le attese”. Il colosso svedese ieri in borsa era sceso.

* AUTOGRILL (AGL.MI), in progresso del 3,66%, beneficia dei nuovi contratti pluriennali che genereranno un fatturato di 600 milioni di dollari.

* In luce i bancari, in Europa star dei settori con uno Stoxx .SX7P in rialzo di quasi 5%. Tra le blue-chip si rafforza BANCO POPOLARE BAPO.MI, che avanza del 4,69% all‘indomani di una seduta in calo del 2,31%. Rimbalzo tecnico anche per INTESA SANPAOLO (ISP.MI) (+4,01%), scivolata ieri dell‘1,61%, e per MPS (BMPS.MI) con +2,46% dopo il calo della vigilia. Fuori dal listino principale, in spolvero ITALEASE BIL.MI (+5,31%), che ieri ha chiuso a -11,13%.

* Positivo il settore assicurativo, anche se meno dell‘indice paneuropeo di settore .SXIP che sale del 3,32%. GENERALI (GASI.MI) avanza dell‘1,35%, scontando il taglio del target price a 24,50 euro da 27,50 da parte di Goldman Sachs. UNIPOL (UNPI.MI) fa +1,6% e ALLEANZA ALZI.MI il 2,24%. Migliore la performance di FONDIARIA-SAI FOSA.MI con 2,89%.

* Indeciso tra denaro e lettera il GRUPPO L‘ESPRESSO ESPI.MI nel giorno di presentazione dei dati semestrali.

* Resta sotto invece IMPREGILO IPGI.MI (-0,94%), che ieri ha chiuso in crescita dell‘1% dopo esser calata a picco sulla notizia che il Tribunale del Riesame si è riservato di decidere in merito al sequestro preventivo.

* Scivola in fondo al listino principale LUXOTTICA (LUX.MI) (-1,64%), colpita da “prese di beneficio dopo la corsa dell‘altroieri”, sottolinea un trader.

* Ritracciano le utility. TERNA (TRN.MI) ed ENEL (ENEI.MI) cedono rispettivamente lo 0,39 e lo 0,86%.

* Tra le piccole AS ROMA (ASR.MI) segna un progresso del 12,29% dopo esser stata sospesa. Resta invece congelata per eccesso di ribasso BEGHELLI (BE.MI), che è scivolata ai minimi di seduta a seguito della smentita di operazioni straordinarie finalizzate al delisting. Il titolo, che era salito dal 16 giugno di oltre il 50% grazie alle voci di delisting, è in ribasso teorico del 5,63%.

* Seduta convincente, infine, per i titoli riconducibili a Roberto Colaninno: IMMSI (IMSI.MI) balza dell‘12,68% e PIAGGIO (PIA.MI) del 5,68%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below