22 aprile 2008 / 15:52 / 10 anni fa

Borsa Milano debole con bancari e media, bene energia e utility

MILANO (Reuters) - Piazza Affari archivia una seduta debole, con pochi spunti e movimenti limitati degli indici.

Il listino milanese si è mosso in scia di quelli continentali, zavorrato dai ribassi sul settore bancario dopo la conferma dell‘aumento di capitale di Royal Bank of Scotland e le stime di perdite per la crisi dei mutui Usa ribadite dall‘Fmi. Come ieri, in controtendenza gli energetici grazie al record del prezzo del petrolio.

In chiusura, l‘indice S&P/MIB ha perso lo 0,51%, il Mibtel lo 0,6% e l‘AllStar l‘1,26%. Volumi per un controvalore di circa 4,6 miliardi di euro.

* L‘aumento di capitale di Rbs ha pesato sui bancari, con UNICREDIT che è scesa dello 0,8%, mentre POP MILANO, su prese di beneficio, ha lasciato sul terreno il 2,28%. Fuori dal coro BANCO POPOLARE: +0,87% grazie alle speculazioni sui potenziali partner della partecipata BANCA ITALEASE (-2,26%). Secondo indiscrezioni di stampa, gli operatori di private equity Clessidra, InvestIndustrial e Jc Flowers puntano a entrare nell‘azionariato dell‘istituto di leasing.

* Male i media, ieri in denaro. SEAT è arretrata del 4,09%, L‘ESPRESSO del 4,99% e MONDADORI del 4,8%. Fuori dall‘S&P/Mib, RCS è caduta del 4,82%. I trader parlano di realizzi.

* Pesante PARMALAT, in calo del 2,74%. Nelle sale operative si ricorda che il trend ribassista è partito con le ultime notizie sul fronte legale.

* I massimi storici del petrolio sostengono gli energetici. SNAM è salita dell‘1,66%, beneficiando anche della promozione a “buy” di Citigroup. In un report, Dresdner conferma il giudizio “hold” su Snam e dice di attendersi, per il primo trimestre, una crescita dell‘utile netto del 12%. ENI è avanzata dello 0,62% e SAIPEM dello 0,9%.

* Le utilities si confermano difensive: A2A ha guadagnato lo 0,63%, mentre TERNA ha chiuso invariata. ENEL ha lasciato sul terreno l‘1,6% nella giornata in cui l‘AD Fulvio Conti ha rilasciato un‘intervista a Reuters in cui ha indicato in 4 miliardi la stima del ricavato della cessione delle reti di distribuzione di gas ed elettricità.

* FIAT ha perso l‘1,96%: un ministro serbo ha annunciato colloqui in settimana in vista dell‘acquisizione di Zastava.

* Rimbalzi per PRYSMIAN (+2,97%), IMPREGILO (+1,26%) e PIRELLI (+1,78%).

* Il nuovo massimo storico dell‘euro contro il dollaro ha penalizzato le società maggiormente presenti negli Usa: AUTOGRILL ha perso il 3,07%, BULGARI l‘1,67%, STM lo 0,92% e LUXOTTICA lo 0,73%.

* ALITALIA ha registrato un ribasso teorico del 12,9%, ma va ricordato che il titolo in realtà non ha mai fatto prezzo, perché Borsa Italiana lo ha sospeso prima dell‘asta.

* GEMINA è scesa del 7,21%, con volumi più che tripli rispetto alla media dell‘intera seduta negli ultimi trenta giorni. Un trader ricorda che il titolo “reagisce sempre alle vicende Alitalia”, dato che la controllata AdR gestisce gli scali romani.

* Tra le small e mid cap, AS ROMA ha terminato in flessione del 2,41% dopo una seduta molto nervosa. Il club giallorosso e la controllante Italpetroli hanno definito di carattere interlocutorio e puramente esplorativo l‘incontro avuto con Inner Circle Sports, collegata al finanziere Soros.

* ITALMOBILIARE ha lasciato sul terreno il 5,57% dopo che il fondo Hermes ha criticato la gestione del gruppo e proposto che la controllata ITALCEMENTI (-1,59%) venda le partecipazioni in MEDIOBANCA (-0,53%) e Rcs.

* Tracollo di SOGEFI (-10,72%) dopo la diffusione dei risultati trimestrali, che hanno mostrato un calo della redditività del gruppo della galassia De Benedetti attivo nella componentistica auto.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below