2 gennaio 2009 / 12:09 / tra 9 anni

CORRETTO - Borsa Milano consolida rialzo, ok automotive

Sostituisce commenti su Italcementi con dichiarazione portavoce

MILANO, 2 gennaio (Reuters) - Piazza Affari consolida, a metà giornata, il rialzo che ha preso corpo dopo le prime battute della prima seduta del 2009.

Si tratta, peraltro, sottolineano gli operatori, di un risultato poco significativo, alla luce della scarsità degli scambi, conseguenza del clima festivo.

Attorno alle 13, l‘indice S&P/Mib .SPMIB guadagna l‘1,36%, il Mibtel .MIBTEL l‘1,53% e l‘AllStars .ALLST l‘1,47%. Volumi per un controvalore pari a circa 350 milioni.

* In denaro i finanziari, spinti, secondo l‘analisi di un‘operatrice, dalla decisione annunciata il 30 dicembre da Consob di prorogare il divieto sulle vendite allo scoperto. UNICREDIT (CRDI.MI), che ha archiviato il 2008 con una serie di operazioni che hanno fruttato plusvalenze per circa 600 milioni di euro, mette a segno un progresso di circa tre punti percentuali. Piazza Cordusio trascina MONTEPASCHI (BMPS.MI), UBI (UBI.MI), MEDIOBANCA (MDBI.MI) e MEDIOLANUM MED.MI. UniCredit rappresenta circa il 7,5% degli scambi di giornata.

* Gli assicurativi vedono stagliarsi FONDIARIA-SAI FOSA.MI, in crescita di oltre il 4% ma con scambi sottili. Staccate UNIPOL (UNPI.MI) e ALLEANZA ALZI.MI, +2% circa, mentre GENERALI (GASI.MI) è in leggero ribasso.

* In rialzo di oltre tre punti percentuali FIAT FIA.MI: il centro studi Promotor, attraverso una nota, ha confermato le indiscrezioni di stampa sul fatto che le immatricolazioni di dicembre sono “sensibilmente migliori” delle attese. Il dato ufficiale dei Trasporti arriva stasera alle 18.

* L‘andamento delle vendite conforta gli altri titoli del settore automotive: PIRELLI PECI.MI +1,5%, COFIDE (COFI.MI) oltre +8% e PIAGGIO (PIA.MI) +3% circa..

* ATLANTIA (ATL.MI) prosegue la corsa cominciata il 30 dicembre, quando UniCredit ha annunciato la cessione del 3,3% del capitale a un fondo di Abu Dhabi, e sale di oltre il 3%.

* Brillante, con discreti volumi (pari a circa l‘1% del totale) PARMALAT (PLT.MI). I trader non hanno particolari motivazioni per questo movimento, salvo ricordare che il 29 dicembre scorso il titolo del gruppo guidato da Enrico Bondi ha toccato il minimo dell‘anno.

* Strappi al rialzo, probabilmente legati alla scarsità di volumi, anche per A2A (A2.MI), GEOX (GEO.MI) e FASTWEB FWB.MI.

* ITALCEMENTI ITAI.MI si mantiene in buon rialzo. A proposito di indiscrezioni stampa sull‘accorciamento della catena di controllo un portavoce del gruppo bergamasco precisa che “nel corso degli ultimi anni diversi soggetti hanno presentato alla società studi su ipotesi di riorganizazione del gruppo”, ma aggiunge “ad oggi comunque nessun piano è al vaglio degli organi amministrativi”.

Oggi il settimanale Il Mondo riferisce di un dossier preliminare, sul quale stanno lavorando Banca Leonardo e Mediobanca (MDBI.MI) con l‘ausilio di Bnp Paribas sull‘ipotesi di un accorciamento della catena di controllo che va da Italmobiliare (ITMI.MI) a Italcementi fino a Ciments Francais.

Lo studio, dice il settimanale, si concentrerebbe in particolare sull‘acquisto delle minorities di Ciments Francais, attualmente controllata con oltre l‘80%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below