19 dicembre 2007 / 17:15 / tra 10 anni

Borsa Milano chiude in rosso, comprate Alitalia e Lottomatica

MILANO, 19 dicembre (Reuters) - Piazza Affari archivia la seduta in territorio negativo, ampliando il calo finale a braccetto con Wall Street.

A dominare il mercato, ormai proiettato sulla prossima pausa natalizia, tante chiusure di posizioni alternate a qualche ricopertura. “Ognuno ha le sue necessità, le sue posizioni da mettere in equilibrio, alcuni fondi chiudono già da questo venerdì”, osserva un‘operatrice.

Mibtel .MIBTEL e S&P/Mib .SPMIB cedono rispettivamente lo 0,68% e lo 0,67%. Più debole l‘AllStars .ALLST, che chiude in calo dello 1,17%. Scambi per circa 4,6 miliardi di euro.

* Accelera nel pomeriggio ALITALIA AZPIa.MI (+2,12% a 0,7435 euro), confermando i rialzi della vigilia con scambi superiori alla media. Il Cda si esprimerà venerdì sulla scelta tra Air France-Klm e AirOne, secondo una nota di palazzo Chigi. Il mercato spera che si arrivi a una decisione questa settimana, senza dover rimandare il tutto al 2008, dicono i trader.

* Soffre ma riduce le perdite PIRELLI&C PECI.MI, che chiude con una flessione del 2,03% circa con volumi più che raddoppiati rispetto alla media. Il titolo è stato congelato al ribasso nella mattinata. Dalle sale citano la probabile decisione della società di rilevare pro quota la partecipazione messa in vendita da UNICREDIT (CRDI.MI) in RCS RCS.MI.

* LOTTOMATICA LTO.MI inverte la tendenza al giro di boa e chiude in vetta al paniere dei titoli large cap, confermando i forti rialzi della vigilia. Il titolo effettua un balzo del 3,54% chiudendo sui massimi di due mesi con volumi sostenuti.

* Fanalino di coda dell‘S&P/MIB IMPREGILO IPGI.MI (-3,56%) senza che gli operatori siano riusciti a trovare motivazioni particolari all‘andamento del titolo, solitamente molto volatile.

* Debole TELECOM ITALIA TLII.MI (-1,24%) ma con scambi in media. Gli operatori riferiscono di una voce che circola priva di conferme secondo cui i nuovi azionisti starebbero pensando a una politica meno generosa di payout per finanziare gli investimenti. Tutte le tlc europee .SXKP sono comunque deboli.

* Tra i singoli settori rimbalzano, come in tutta Europa, energetici e media. In controtendenza rispetto al comparto (benchmark europeo .SXMP +0,16%) SEAT PAGINE GIALLE PGIT.MI (-2,82%), che chiude sui minimi di tre anni a 0,2685 euro.

* Non riescono a dare sostanza al tentativo di recupero della vigilia i bancari (stoxx europeo .SX7P -0,66%), tra cui si distingue in negativo BANCA POPOLARE MILANO PMII.MI.

Il titolo, penalizzato dalle “vendite abbastanza evidenti da parte di chi sta chiudendo la posizione in vista della fine dell‘anno”, come segnala un trader, ha chiuso in calo del 2,93% a 9,702 euro, sui minimi del 2007. Oggi Dresdner ha avviato con giudizio “reduce” la copertura sul titolo, -31% sull‘anno.

* Fuori dal listino principale spiccano gli scivoloni di MAIRE TECNIMONT (MTCM.MI) (-3,44%) e di AICON BW1.MI (-5,17%). Sul gruppo attivo nella produzione di yacht grava la verifica della Consob in merito ai fatti evidenziati dalla società di revisione PriceWaterhouseCoopers, già comunicati al mercato.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below