17 marzo 2008 / 16:48 / tra 10 anni

Borsa Milano chiude in netto calo, crolla Alitalia, giù Seat

MILANO, 17 marzo (Reuters) - I timori del propagarsi incontrollato della crisi del credito, dopo la vicenda Bear Stearns, non risparmiano nemmeno Piazza Affari con gli indici che lasciano sul terreno oltre il 3% in chiusura e pochi titoli difensivi a tenere botta.

Il segno meno colpisce soprattutto i titoli finanziari, ma più in generale quelli delle società con un indebitamento più elevato.

Il Mibtel <:MIBTEL> ha chiuso in calo del 3,52%, l‘S&P/MIB .SPMIB del 3,39%, l‘Allstars .ALLST del 3,17%. Volumi per poco più di 5 miliardi di euro.

* Giornata da dimenticare per ALITALIA AZPIa.MI che, sospesa al ribasso per tutta la mattinata, ha poi chiuso a -26,76%. Ieri il Cda della compagnia ha accettato l‘offerta di Air France che prevede un‘ops con un concambio di 1 a 160, per una valorizzazione, ai prezzi di venerdì, di poco meno di 10 cent.

Alitalia resta in quota 39 cent solo perché il mercato scommette su un‘offerta migliorativa, spiegano alcuni trader.

* Finanziari tutti negativi con ribassi consistenti per UNICREDIT (CRDI.MI) (-4,39%), INTESA SANPAOLO (ISP.MI) (-3,12%) e POP MILANO PMII.MI (-4,25%).

* GENERALI (GASI.MI) limita le perdite all‘1,17% e sovraperforma rispetto all‘indice di settore (che cede oltre il 4%) dopo i risultati del 2007 con utili e dividendi in crescita, ampiamente in linea con le attese.

* Dopo Alitalia, la maglia nera del listino principale è di SEAT PGIT.MI (-11,33%), vittima anche di un downgrade sul settore. La società ha un indebitamento elevato e con l‘attuale crisi di liquidità soffre molto, dicono alcuni trader.

* Male anche TELECOM (TLIT.MI) (-5,46%), mentre tengono alcuni difensivi come SNAM (SRG.MI) o qualche utility come ACEA (ACE.MI).

* Fuori dal listino principale AMPLIFON (AMPF.MI) (-15,46%) è uno dei titoli peggiori dopo i risultati in netto calo per il 2007 e nonostante il cauto ottimismo sul 2008 espresso agli analisti oggi dai vertici.

* MIRATO MIRT.MI (+4,64%) viaggia in controtendenza dopo i risultati del 2007 e la cedola straordinaria di 0,15 euro che si aggiunge a quella ordinaria di 0,33.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below