17 dicembre 2007 / 10:32 / 10 anni fa

Borsa Milano in ribasso, in calo Alitalia, male bancari

MILANO, 17 dicembre (Reuters) - La borsa milanese prosegue in calo, seguendo la scia dei ribassi in tutta Europa in un mercato nervoso dopo i dati sull‘inflazione Usa di venerdì.

Tutti i settori sono penalizzati, ma, soffrono in modo particolare i finanziari.

I riflettori restano puntati su ALITALIA AZPIa.MI, in deciso calo mentre il processo di privatizzazione arriva a una fase decisiva con la decisione sul partner che assumerà il Cda previsto domani.

“C’è lettera diffusa su tutto il mercato. Fioccano downgrade su molti settori e si rivedono al ribasso valutazioni soprattutto laddove erano stato dati target price molto forti”. dice un trader.

“In questo contesto ci si rifugia, come spesso accade, sul settore difensivo delle utilities”, aggiunge.

Alle 11,15 l‘indice S&P/MIB .SPMIB perde l‘1,5% e il Mibtel .MIBTEL l‘1,42%. L‘Allstars .ALLST cede l‘1,45%. Volumi per 1,3 miliardi circa.

* ALITALIA AZPIa.MI dopo diverse sospensioni al ribasso rientra agli scambi e cede il 13% proseguendo la discesa delle ultime sedute sul rinvio del Cda e sull‘ipotesi di offerta a forte sconto. Arrivano intanto i primi dettagli sulle proposte presentate da Air France (AIR.PA) (in calo dell‘1,6% a Parigi) e da Air One.

“Il titolo è in preda a tutte le speculazioni del momento. Non riesce a riprendere fiato”, commenta un operatore

* Tra i finanziari, sotto pressione in tutta Europa, MEDIOBANCA (MDBI.MI) cede il 2,7% dopo il riassetto dell‘azionariato seguito alla cessione da parte di UNICREDIT (CRDI.MI) del 9,37% di Piazzetta Cuccia per ottemperare alle richieste dell‘Antitrust.

L‘istituto guidato da Alessandro Profumo, il cui target price è stato abbassato da Morgan Stanley a 7,1 da 8 euro, perde il 2,45%.

* Deboli gli assicurativi FONDIARIA-SAI FOSA.MI (-2,3%) e GENERALI (GASI.MI) (-2,1%) declassata da Ubs a “neutral” da “buy” con target ridotto a 35 da 36 euro. Perdite limitate per UNIPOL (UNPI.MI) (-0,2%) reduce da maggiori ribassi sull‘annuncio di una cedola inferiore alle attese.

* Tra gli altri finanziari fuori l‘S&P/Mib cali consistenti per AZIMUT (AZMT.MI) (-5%) e MUTUIONLINE (MOL.MI) (-4,2%).

* Flessioni fra cementieri e costruzioni, con BUZZI <BZU.MI, ITALCEMENTI ITAI.MI e IMPREGILO IPGI.MI in discesa di circa il 2,8% sulla scia del debole andamento del settore in Europa.

* Nel settore delle utility lieve calo per AEM AEM.MI, (-0,84%) mentre la più piccola ACEA (ACE.MI) sale dello 0,6%.

* Tra i titoli minori in deciso ribasso IMMSI (IMSI.MI), sospesa al ribasso, mentre balzano BRIOSCHI (BRUI.MI) (+9,4%) e la controllante BASTOGI (BTGI.MI) (+7,7%) dopo l‘annuncio di venerdi che l‘azionista di riferimento ha stretto un accordo quadro per il conferimento di asset immobiliari ad un fondo chiuso.

* Andamento opposto per il calcio quotato con AS ROMA (ASR.MI) in calo del 6% mentre è positiva la JUVENTUS (JUVE.MI)

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below