17 aprile 2008 / 08:55 / 10 anni fa

Borsa Milano in lieve calo, bene Prysmian, banche miste

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude una seduta altalenante in lieve calo ritracciando dal rally della vigilia al pari delle altre borse europee e di Wall Street.

<p>Trader al lavoro. REUTERS/Alex Grimm</p>

I mercati azionari si prendono una pausa di riflessione prestando particolare attenzione ai risultati e alle prospettive annunciate dalle grosse società in Europa e in Usa per avere segnali sull‘andamento dell‘economia.

“In questa fase si guarda maggiormente a livello di singole società i cui risultati stanno complessivamente tenendo mentre al contrario i dati macro non sono molto confortanti”, commenta un trader.

La borsa milanese potrebbe inoltre risentire delle scadenze tecniche di domani sulle opzioni e futures sulle azioni, ricorda un altro trader.

L‘indice S&P/Mib termina in calo dello 0,28%, il Mibtel dello 0,31%. ALLSTAR -0,36%. Volumi per 4,2 miliardi di euro.

* In un panorma bancario contrastato, MPS recupera le recenti perdite grazie anche all‘upgrade a “buy” di Goldman Sachs e sale dell‘1,3% circa. Sul fronte opposto, pesante BANCO POPOLARE (-3%) il cui target price è stato ridotto da Goldman a 14 da 15 euro. Poco mosse UNICREDIT e INTESA SANPAOLO, mentre POP MILANO cede l‘1,56% su realizzi favoriti anche dalla bocciatura di Goldman a “neutral” da “buy”.

* Sempre tra i finanziari corre BANCA ITALEASE, +9,7% con volumi intensi, alla vigilia dell‘assemblea di bilancio. Gli operatori non segnalano particolari motivazioni alla base del balzo, mentre un trader sottolinea che “c’è un fortissimo scoperto sul titolo”.

* Spunti positivi fra gli assicurativi. FONDIARIA-SAI sale dello 0,27%. Un trader cita un upgrade da parte di una banca d‘affari estera. GENRALI avanza dello 0,42%

* Seduta sugli scudi per PRYSMIAN (+1,94%) il cui Cda ha oggi approvato l‘operazione di concentrazione del patrimonio brevettuale sotto la capogruppo.

* Positiva ENI che punta a vincere la gara per il 57% della belga Distrigaz, secondo quanto auspicato dall‘AD Paolo Scaroni. Piatta SAIPEM, declassata a “sell” da Santander.

* Pesanti in tutta Europa le tlc (-1,7%) e tecnologici (-6,3%) sulla scia di Nokia. TELECOM ITALIA cede l‘1,3%, FASTWEB -1,5%. TISCALI avanza dell‘1,89% con volumi intensi dopo il rally di ieri innescato dalle indiscrezioni sulle manifestazioni di interesse in arrivo. STM cede l‘1,27%.

* LOTTOMATICA in calo del 2,8% dopo la riduzione del target price di Citigroup. SEAT cede il 2,74%.

* Tra i titoli più piccoli, continua a correre ACOTEL (+6,8%). Secondo MF, arriverà domani il closing dell‘operazione che prevede l‘ingresso di Intesa nel capitale. Vivaci anche SABAF e IT HOLDING.

* In asta, piatta ALITALIA. Si terrà stasera l‘incontro fra il braccio destro di Silvio Berlusconi, Gianni Letta, e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio uscente, Enrico Letta, sulla situazione della compagnia aerea. Lo ha detto lo stesso Berlusconi aggiungendo che per Alitalia tutte le opzioni sul tavolo restano aperte.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below