15 aprile 2008 / 07:18 / 10 anni fa

Borsa Milano in lieve calo, bene Impregilo, Atlantia, giù Fiat

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude in lieve calo una seduta altalenante allineandosi all‘andamento di Wall Street che dopo un avvio positivo passa in territorio negativo.

<p>Un trader al lavoro. REUTERS/Alex Grimm</p>

Sul listino milanese hanno prevalso i cali di Fiat e dei bancari rispetto ai rialzi dei petroliferi e dei titoli del settore delle costruzioni, quest‘ultimi premiati dall‘esito delle elezioni politiche con la vittoria della coalizione di centro-destra guidata da Silvio Berlsuconi.

“La borsa è partita con un certo ottimismo sulla scia delle elezioni, ma poi ha finito per seguire l‘andamento delle altre borse europee e di Wall Street”, dice un trader.

L‘indice S&P/Mib scende dello 0,21%, il Mibtel di un frazionale 0,08%, ALLSTAR chiude in rialzo dello 0,5%. Volumi per 5,2 miliardi di euro circa.

* In luce i titoli del settore delle costruzioni premiati dalle attese per il rilancio delle ‘grandi opere’ dopo la vittoria di Berlusconi alle politiche. IMPREGILO sale del 4,6%, ASTALDI del 3,3%. Quest‘ultimo ha inoltre approvato oggi il nuovo piano industriale al 2012.

“Impregilo ha comunque tanto da recuperare”, osserva un trader.

* L‘enfasi sulle infrastrutture posta dal centro-destra nel programma di governo alimenta l‘interesse anche per ATLANTIA che balza del 6% con volumi più che doppi rispetto alla media, dicono nelle sale operative. Il mercato scommette inoltre su nuovi scenari in tema di integrazione. “Potrebbero riaprirsi le trattative con Abertis”, dice un trader.

Un altro operatore ricorda inoltre le frizioni sul tema tariffe avute con la precedente maggioranza. AUTOSTRADA TO-MI sale del 2,7%.

* Cedono terreno i titoli del settore cemento come BUZZI (-0,26%) e ITALCEMENTI (-1,2%) su realizzi.

* Seduta pesante per FIAT che cede il 4,79% a 13,68 euro con volumi intensi (trattato l‘8,3% del capitale) dopo i dati sulle immatricolazioni in Europa che hanno deluso il mercato. Le auto nel Vecchio Continente perdono lo 0,35%.

* PARMALAT scivola nelle ultime battute di borsa con un congelamento al ribasso dopo la notizia che un tribunale del New Jersey ha deciso che Citigroup dovrà affrontare il processo per il presunto ruolo nel crack del gruppo di Collecchio.

Nell‘ordinanza il giudice Usa ha respinto alcune delle richieste sollevate dall‘AD Parmalat, Enrico Bondi.

* I nuovi record storici toccati dalle quotazioni del petrolio favoriscono i rialzi di SAIPEM (+4,56%) ed ENI (+0,6%) in un contesto positivo per tutto il settore in Europa (Stoxx +1,7%). Nel resto degli energetici positivi SNAM, TERNA e ENEL ma scende del 3,5% A2A.

* LOTTOMATICA sale dell‘1,1%. JP Morgan ha alzato le stime sul 2008 del 9%, sul 2009 del 14% e sul 2010 del 26%, confermando “neutral”.

* ALITALIA chiude la negoziazione in asta con un balzo del 18%.“Il mercato scommette su una soluzione di Berlusconi ai problemi della compagnia” dice un trader. “Si pensa che qualcosa succederà”, aggiunge.

* Dopo un avvio brillante sulla scia del risultato elettorale MEDIASET chiude con un deciso calo del 4% circa colpita da prese di profitto dopo il recente apprezzamento del titolo proprio sulle scommesse di vittoria del centro-destra. Debole anche MONDADORI (-1,4%) dopo il forte progresso di ieri.

* Trascurati i bancari con BANCO POPOLARE in calo del 2.3% seguita da POP MILANO e MPS. Riprende quota INTESA SANPAOLO a +0,26%

* In leggero calo TELECOM (-0,57%) all‘indomani dell‘assemblea, mentre nel settore va peggio FASTWEB,in calo del 2,7%

* Tra i titoli più piccoli, forte SNAI (+5,2%). Dopo un iniziale rialzo cede il 3,8% circa RISANAMENTO che ieri in serata ha annunciato l”accordo con Intesa Sanpaolo sul prestito ponte.

* IGD sale dell‘1,9%. Ieri in un‘intervista a Reuters l‘AD Filippo Carbonari non ha escluso di trasformarsi in Siiq già quest‘anno e ha confernmato che il gruppo non soffre problemi di liquidità o di accesso al credito.

“Un‘eventuale mancata trasformazione in Siiq avrebbe un forte impatto negativo sulle nostre stime 2008 per quanto riguarda Eps e dividendo ma molto limitato per ciò che riguarda il Nav”, commenta in una nota una sim italiana.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below