15 luglio 2008 / 07:50 / tra 9 anni

Borsa Milano chiude in netto calo, ma sopra minimi,cade Parmalat

MILANO (Reuters) - Piazza Affari archivia una seduta in netto calo, sebbene sopra i minimi. L‘indice S&P/Mib, dopo aver bucato la soglia psicologica di 27.000 punti e aggiornato più volte i minimi da agosto 2004, toccando un punto più basso a 26.727 punti, ha terminato con una flessione del 2,54%, a 27.044 punti. Il Mibtel è arretrato del 2,55% e il paniere AllStars del 2,56%.

<p>Immagine d'archivio di un operatore di borsa. REUTERS</p>

In crescita i volumi, pari a un controvalore di circa 3,75 miliardi di euro.

Fortunatamente, nel finale si è assistito a un tracollo dei futures sul greggio, che ha consentito alle borse di recuperare parte delle perdite accumulate in precedenza.

Ad affossare l‘azionario di Milano - che ha registrato performance peggiori rispetto al resto d‘Europa a causa del peso preponderante dei bancari - sono stati i rinnovati timori sul fronte del credito, con Fannie Mae e Freddie Mac ancora in sofferenza e Fortis finita nel mirino dell‘autorità di borsa olandese.

Nel pomeriggio, poi, i mercati sono stati colpiti dalle parole di Ben Bernanke: il presidente della Fed ha parlato di crescita sotto trend per tutto il 2008 e di rischi al rialzo per quanto riguarda l‘inflazione.

L‘Italia, infine, ha pagato dazio anche alle preoccupazioni legate ai prezzi al consumo, dopo che in giugno l‘indice è salito del 3,8% su base tendenziale.

“La situazione è molto delicata”, sintetizza Andrea Puccini, gestore azionario Italia ed Europa di Fideuram Asset Management Ireland. “I ribassi sono legati anche a valutazioni tecniche: gli investitori istituzionali sono costretti a vendere per via dei riscatti”, sebbene “le valutazioni siano a livelli interessanti”, tali da giustificare “un cauto incremento dell‘esposizione azionaria, in un‘ottica di medio periodo”.

* Giornata terrificante per i titoli bancari: lo stoxx europeo di settore è caduto del 3,29%. In Italia spiccano UNICREDIT (-3,94%, dopo aver toccato 3,36 euro, minimo dal 1998), MEDIOLANUM (-3,59%), MONTEPASCHI (-3,7%, con punto minimo segnato a 1,6130 euro, livello che Rocca Salimbeni non vedeva dal novembre 2002) e INTESA SANPAOLO (-3,34%).

* Fuori dal coro POP MILANO (+2,02%): i trader sottolineano che la relazione di Bankitalia dopo le ispezioni dovrebbe aprire la strada a una revisione della governance.

* Tornando ai titoli maggiormente sensibili alla crisi dei mutui, a picco gli immobiliari: RISANAMENTO -11,24%, PIRELLI RE -4,59% e UNI LAND -5,22%. MUTUIONLINE ha lasciato sul terreno il 9,42%.

* PARMALAT, all‘indomani della revisione al ribasso della guidance 2008, è caduta del 7,81%, con un minimo toccato a 1,49 euro (punto più basso da quando, nel 2005, la società guidata da Enrico Bondi è tornata a Piazza Affari). Scambi pari a oltre quattro volte la media.

* MEDIASET ha terminato attorno con un progresso dello 0,57%, ma i trader ricordano che il titolo è sui minimi storici. LOTTOMATICA (+1,06%) si conferma resistente in questa fase, mentre FINMECCANICA (+0,63%) consolida il rally di ieri nella giornata in cui il parter russo Sukhoi ha ufficializzato un contratto per ventiquattro Superjet 100.

* TELECOM ITALIA ha proseguito il trend negativo cominciato venerdì scorso, arretrando di un altro 4,26%, e FIAT è scesa del 2,58%, scivolando sino a 9,05 euro, tornando ai livelli del marzo 2006.

* ENI ha lasciato sul terreno l‘1,91%, sostanzialmente in linea con lo stoxx di settore, calato del 2,67%, mentre la controllata SAIPEM è precipitata del 4,91% dopo essere stata cancellata dall‘European Recommended Portfolio di Lehman.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below