15 gennaio 2008 / 17:18 / 10 anni fa

Borsa Milano a picco, cede oltre 2%, S&P/Mib sui minimi 17 mesi

MILANO, 15 gennaio (Reuters) - Colpita dall‘affacciarsi dello spettro della recessione negli Stati Uniti, Piazza Affari chiude in ribasso di oltre due punti percentuali a braccetto con le altre piazze finanziarie europee.

Dopo aver chiuso il gap aperto a quota 36.986 punti nell‘agosto 2006, il paniere milanese delle blue chip S&P/Mib è crollato ancora, terminando la seduta in contrazione del 2,3% a 36.682 punti, sui minimi di 17 mesi.

Il Mibtel .MIBTEL perde il 2,31%, AllStars .ALLST in ritardo del 2,29%. Volumi per circa 5,4 miliardi di euro.

In Europa il benchmark paneuropeo mette a segno un calo del 2,4%, il peggiore in una singola seduta dal 3 ottobre 2006.

Ad alimentare i timori per lo stato di salute della maggiore economia mondiale la pubblicazione di una serie di dati macro sotto le attese, preceduti dalla deludente trimestrale di Citigroup (C.N).

“I dati sono veramente brutti e in America cominciano a temere di essere sull‘orlo della recessione”, osservano da una sala operativa.

* Nel paniere principale solo tre titoli resistono in positivo, SNAM RETE GAS (SRG.MI) (+1,29%), ENEL (ENEI.MI) (+0,32%) e TERNA (TRN.MI) (+0,14%).

* Le FIAT FIA.MI scivolano nuovamente sotto i 17 euro. Il titolo lascia sul terreno il 3,12% a 16,75 euro. Scambi superiori alla media su 30 giorni.

* Fra i singoli settori, non resistono nemmeno i titoli più difensivi, come le utility. “In questi casi scattano vendite tecniche, non ci sono più settori difensivi”, segnala un trader.

* Le rinnovate preoccupazioni provenienti dai mutui “subprime” mettono sotto pressione le banche. In Europa cedono il 2,79% .SX7P.

* Non influisce sui corsi del titolo UNICREDIT (CRDI.MI) l‘accordo con Banco di Sicilia.

* ENI (ENI.MI) perde il 2,44%, in linea con il settore europeo (DJ Stoxx .SXEP -2,66%), dopo che domenica è stato raggiunto un accordo, ricercato da mesi, in Kashagan.

* Penalizzati dai realizzi PRYSMIAN (PRY.MI), SEAT PG.MI, IMPREGILO IPGI.MI, ITALCEMENTI ITAI.MI.

* Fanalino di coda dell‘S&P/Mib TENARIS (TENR.MI), in ribasso del 5,25% a 13,0370 euro.

* Fuori dal paniere principale in luce ZUCCHI (ZUCI.MI). Nel giorno della firma del contratto di licenza quinquennale con Diesel, il titolo accelera di oltre il 5,89% a 3,18 euro.

* Buca la resistenza dei 4 euro IL SOLE 24 ORE (S24.MI). Il titolo chiude in flessione del 7,6% a 3,9980 euro, ben lontano dal prezzo di collocamento di 5,75 euro.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below