15 gennaio 2008 / 12:11 / 10 anni fa

Borsa Milano recupera un po' dopo Citi, bene Atlantia, Enel

MILANO, 15 gennaio (Reuters) - Piazza Affari recupera leggermente terreno, insieme all‘Europa e ai futures sull‘azionario Usa, dopo che Citigroup (C.N) ha annunciato svalutazioni per i mutui subprime inferiori alle attese.

“Si aspettavano 23 miliardi, nel quarto trimestre ne hanno realizzati 18 miliardi. Questo aiuta un po’ i mercati”, commenta un operatore. “Tendenzialmente si tratta di prese di beneficio”, aggiunge il trader a spiegazione di alcuni netti ribassi a Milano.

Intorno alle 13 l‘S&P/Mib .SPMIB cede lo 0,58%, il Mibtel .MIBTEL perde lo 0,68%, AllStars .ALLST in calo dell‘1,11%. Volumi per 2 miliardi di euro. Simile l‘andamento sulle altre piazze europee. Wall Street attesa negativa come dimostrano i futures sugli indici, quello sull‘S&P 500 SPH8 cede lo 0,5%.

Le borse nel corso della mattinata erano peggiorate, con Milano su livelli di supporto rilevanti, dopo la diffusione dell‘indice Zew peggiore delle attese.

*Nel paniere principale solo una piccola manciata di titoli resiste in positivo, tra cui FIAT FIA.MI, ATLANTIA (ATL.MI), ENEL <ENEI.MI, TELECOM (TLIT.MI).

* Si muove debolmente ENI (ENI.MI) dopo che domenica è stato raggiunto un accordo in Kashagan. Una notizia comunque positiva sebbene la perdita della leadership operativa per la società italiana è negativa in termini di immagine, reputazione e credibilità, così come l‘ulteriore ritardo nell‘avvio della produzione al 2011, è il commento oggi di Banca Akros che ribadisce “accumulate” e 31,5 euro di target price.

*Vengono realizzati i guadagni della vigilia di PRYSMIAN (PRY.MI), SEAT PG.MI, IMPREGILO IPGI.MI, ITALCEMENTI ITAI.MI.

*Vendute le banche, penalizzate dai timori sui mutui subprime. In Europa cedono lo 0,5% .SX7P. UNICREDIT (CRDI.MI) non reagisce dopo l‘accordo con BdS.

*Prosegue la forte lettera su TISCALI (TIS.MI) nel secondo giorno dell‘aumento di capitale. Banca Akros ha aggiustato il target price a 2,25 euro dopo l‘emissione dei diritti legati alla ricapitalizzazione, con nuovo giudizio “hold” da “accumulate”.

*COIN GCN.MI pesante mentre continuano a giungere notizie poco confortanti da aziende del settore sull‘andamento delle vendite. Dopo Marks and Spencer, oggi è stata la volta del big dei supermercati britannico Tesco (TSCO.L). *RISANAMENTO (RN.MI) molto penalizzata di recente, salita ieri e nelle prime battute, ora scende ancora. Un analista sottolinea la natura ormai molto speculativa del titolo e del settore immobiliare, tradizionalmente considerato difensivo.

*SORIN SORN.MI positiva ma sotto i massimi di seduta nel giorno della presentazione al mercato del piano industriale 2008-2010.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below