13 marzo 2008 / 12:23 / tra 10 anni

Borsa Milano amplia calo a -2,8%, affonda Unicredit, Telecom +6%

MILANO, 13 marzo (Reuters) - Piazza Affari chiude la mattina in forte ribasso in un clima di diffusa debolezza in Europa.

Milano fa un po’ peggio, spiegano i trader, a causa del forte peso che hanno sul listino i titoli bancari, al centro delle vendite in tutto il Vecchio Continente.

“Il clima è negativo. Se pensiamo che Hopa è stata costretta a vendere Telecom e che un finanziere come Zaleski ha fatto alcune dismissioni di recente, c’è da temere che siano in tanti a dover rientrare con i loro investimenti”, commenta un dealer che cita anche, come ulteriore elemento di preoccupazione, il default del fondo Carlyle Capital.

Alle 13,15 l‘indice S&P/Mib .SPMIB cede il 2,81%, il Mibtel .MIBTEL il 2,51% e l‘AllStars .ALLST l‘1,54%. Volumi per 2,4 miliardi di euro.

I futures sugli indici Usa sono in deciso calo.

* Si mantiene in controtendenza TELECOM (TLIT.MI), che dopo il bagno di sangue dei giorni scorsi rimbalza del 6,3% con volumi ampiamente sopra la media. “Dopo il massacro che ha subito, doveva ricominciare a salire”, dice un dealer. “Ieri sono scattati i primi reintegri di garanzia, in qualche modo è necessario che l‘azione recuperi. Se si parla poi di fondi che potrebbero chiedere un cambio di strategia, tutti si buttano ad acquistare”. Secondo un‘operatrice, è “un rimbalzone, niente più”.

In calo del 3% FASTWEB FWB.MI, -1% TISCALI (TIS.MI) tra tlc europee in ribasso dell‘1%.

*UNICREDIT (CRDI.MI) peggiora ulteriormente cedendo quasi l‘8% dopo aver diffuso stamane risultati 2007 giudicati sotto le stime e dopo aver detto agli analisti di non poter confermare le stime sul 2008 a causa della scarsa visibilità sull‘investment banking.

MPS (BMPS.MI), premiata ieri dal mercato dopo la presentazione del piano industriale, cede oggi il 5,6%.

Cali consistenti anche per MEDIOBANCA (MDBI.MI), POP MILANO PMII.MI, BANCO POPOLARE BAPO.MI. Perde il 4% FONDIARIA SAI FOSA.MI. Positiva invece ITALEASE BIL.MI (+1%). Secondo una fonte, sarebbero 3 o 4 i soggetti interessati a una partenership.

Le banche in Europa cedono il 3,7%, le assicurazioni il 3,1%.

* Tra i peggiori SEAT PGIT.MI (-6%). Il titolo “soffre la debolezza del settore e il suo ingente debito”, dice un operatore.

Tra i media, MEDIASET (MS.MI) cede il 2,7% (-2,3% il settore europeo) dopo aver presentato ieri i risultati agli analisti. Kepler parla di un “feedback positivo”, mentre Ubs ha deciso di rivedere al ribasso le sue stime sul 2008 dopo le indicazioni di raccolta dei primi mesi. ABN è negativa sulle prospettive del gruppo e prevede ricavi pubblicitari e utile in calo a fine esercizio. MONDADORI (MOED.MI) resiste con un +0,3%.

*FIAT FIA.MI in calo del 3,9% a 12,16 euro, grosso modo in linea con il settore europeo.

*Tengono i difensivi TERNA (TRN.MI) e SNAM (SRG.MI), ENEL (ENEI.MI) cede invece l‘1,9% dopo risultati che un analista giudica “sopra le attese sulla bottom line”.

*Tra i titoli più piccoli, spunti positivi su Guala Closures GCL.MI, sospesa al ribasso CELL THERAPEUTICS (CTIC.MI) che ha pubblicato questa mattina una perdita trimestrale peggiore delle attese.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below