12 maggio 2008 / 07:36 / tra 10 anni

Borsa Milano termina in rialzo, giù banche, bene Telecom,Pirelli

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude in lieve rialzo una seduta incolore e senza grandi spunti. In mancanza di particolari idee, il mercato si è concentrato sui risultati trimestrali già annunciati o attesi e riprende in mano alcuni temi trascurati come telefonici e media.

<p>Un trader al lavoro. REUTERS/Kai Pfaffenbach</p>

“Oggi le banche sono sotto pressione, mentre vanno bene Telecom e Pirelli. Per il resto la seduta è stata senza indicazioni”, osserva un trader.

L‘indice S&PMib sale dello 0,07%, il Mibtel dello 0,20% mentre l‘AllStars avanza dello 0,33%. Volumi oltre 7,7 miliardi di euro nel finale.

* TELECOM ITALIA sale del 3%. Il titolo prosegue il recupero innescato venerdì con la trimestrale sostanzialmente in linea con le attese e anche grazie alla conferma degli obiettivi, mentre alla luce dei dati alcune case d‘affari aggiornano le proprie stime.

Tra queste Deutsche Bank ha promosso il gruppo tlc a “buy” da “hold”, con un target price ridotto a 1,80 da 1,90 euro, secondo una fonte di mercato.

“L‘impressione è che sul titolo ci sia qualche ricopertura ma non vedo movimenti di riposizionamento”, commenta un trader. Tonici i telefonici in tutta Europa (Stoxx +1,36%).

* Forte PIRELLI che balza dell‘1,84% dopo che i dati del primo trimestre annunciati venerdì - in qualche caso superiori alle attese - hanno mostrato una sostanziale tenuta rispetto ad un settore, quello degli pneumatici, visto in difficoltà. Ubs conferma “buy” limando il target a 0,65 da 0,67 euro.

* Tra i media corre MEDIASET (+2,32%) in attesa della trimestrale domani. Debole, invece, L‘ESPRESSO.

* In un panorama positivo per il settore europeo (Stoxx +0,9%) ben comprati petroliferi ed energetici con SAIPEM (+1,51%) e TENARIS (+3,08%).

* FINMECCANICA in calo dello 0,37% in un mercato che attende notizie sull‘offerta per l‘americana Drs Technologies, mentre è in corso il Cda.

Per gli operatori, l‘acquisizione, se finalizzata, sarebbe positiva per gruppo da un punto di vista industriale, ma alcune perplessità sulla tenuta del titolo arrivano dall‘ipotesi di un possible aumento di capitale.

* Netto ribasso per GEOX (-5,92%) dopo i risultati del trimestre che un analista giudica sotto le stime sia a livello di ricavi che di margini.

* Tra i bancari UNICREDIT, declassata da Abn Amro a “hold” da “buy” con target a 5 da 5,40 euro, è in flessione dello 0,76%.

MPS recupera nel finale e cede lo 0,31% nell‘ultimo giorno per lo negoziazione dei diritti legati all‘aumento di capitale per l‘acquisizione di Antonveneta. I diritti salgono di oltre il 7%. Vendute anche UBI, INTESA SANPAOLO e POP MILANO

* Balza del 2,63% SEAT dopo i dati sulla trimestrale che evidenziano un miglioramento della perdita netta nel trimestre e le attese per il 2008 in utile.

* Tra le small e mid cap TISCALI, volatile, guadagna il 2,6% in attesa della trimestrale oggi e di novità sul processo di vendita.

* SOCOTHERM balza del 6,88% circa dopo che Santander ha alzato rating e target price e la società ha annunciato l‘aggiudicazione di un nuovi contratti per 10 mln.

* INTERPUMP, nel giorno dello stacco cedola, sale dell‘8,49% sul rinnovarsi delle indiscrezioni stampa circa il possibile delisting del titolo. Oggi, inoltre, Consob ha informato che Ipg Holding ha aumentato la partecipazione nel capitale della società al 32% dal 22,2% precedente, di cui il 6,33% senza diritto di voto.

* Fra i minori, AS ROMA guadagna il 6,62% dopo che nel concitato finale di campionato ha ridotto ad un punto il distacco dalla capolista Inter.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below