30 luglio 2008 / 07:35 / 9 anni fa

Borsa Milano chiude positiva nonostante ribassi Telecom e Fiat

MILANO (Reuters) - Il mercato milanese, appesantito dalle perdite di alcune grosse blue-chip, chiude con segno positivo ma in coda alle altre borse del Vecchio Continente.

<p>REUTERS/Mike Segar</p>

“Milano fa peggio degli altri per colpa di Telecom e Fiat” commenta un trader.

A fine scambi l‘S&P/Mib è salito dello 0,48%, il Mibtel dello 0,62% e l‘AllStars dello 0,91%. Volumi pari a 3,1 miliardi di euro.

* Seduta da dimenticare per TELECOM ITALIA che ha toccato il minimo annuo a 1,122 euro per poi chiudere a 1,157 euro, in calo del 4,3%. A pesare “l‘avvicinarsi del Cda dell‘8 agosto e il terrore di un aumento di capitale, riportato in auge dalle dichiarazioni di Gilberto Benetton”, uno dei principali azionisti della società, hanno spiegato dalle sale operative.

Un certo conforto al titolo è poi venuto dalle dichiarazioni del presidente di Telecom, Gabriele Galateri di Genola, che ha smentito l‘ipotesi di aumento di capitale. Il settore europeo delle tlc ha terminato positivo (stoxx +1,24%).

* Chiusura in rialzo per le banche a eccezione di MEDIOBANCA (-0,64%) alle prese con la riforma della governance: MPS è salita del 0,39%, INTESA SP dello 0,44% e UNICREDIT dell‘1,25%. Per quanto riguarda Piazzetta Cuccia, “il mercato non crede a una tregua fra i soci, ma a una pausa di riflessione nel contrasto fra gli azionisti”, ha commentato un trader. Sul titolo ha avuto effetto negativo anche la bocciatura espressa ieri a mercati chiusi da Keefe, Bruyette & Woods, che ha tagliato la raccomandazione a “market perform” da “outperform”, riducendo il prezzo obiettivo del 25%, a 12 euro.

* Le prese di beneficio hanno mandato in rosso GEOX, che ha chiuso in ribasso del 3,46% all‘indomani del balzo del 13,67% realizzato sull‘annuncio della trimestrale. In calo, dopo il forte incremento di ieri, anche TENARIS, terminata in flessione dell‘1,57%. Realizzi pure su SAIPEM, che ha perso lo 0,6% in coda a un taglio del target da parte di Santander.

* Negativa FIAT, che ha ceduto l‘1,59% (con lo stoxx settoriale europeo in calo dello 0,33%) nonostante l‘accordo di jv paritetica tra il Lingotto e Credit Agricole con Jaguar Land Rover.

* Prosegue il momento “no” di ITALCEMENTI (-1,82%) sulla scia del donwgrade di ieri di Exane Bnp Paribas che ha rivisto il prezzo obiettivo a 8,5 euro da 10 euro. I risultati di bilancio non hanno aiutato MONDADORI, scivolata dell‘1,57% dopo aver annunciato un calo dell‘utile del 20% nel primo semestre. Piatta ENI (-0,76%) nel giorno del Cda sui conti del primo semestre, che saranno annunciati domani mattina.

* La giornata si è rivelata propizia invece per le società industriali, sostenute anche dai risultati della conglomerata tedesca Siemens. Brillanti, in particolare, i titoli del lusso, “grazie ai risultati di Lvmh”, ricorda un trader. LUXOTTICA ha guadagnato il 4,05%, BULGARI il 5,33%, SAFILO il 7,26% e TOD‘S, che danno oggi i risultati, il 3,65%. Tra le blue-chip si è distinta MEDIASET (+4,42%) che ha citato in causa Youtube, il sito di proprietà di Google, per 500 milioni di euro. “La notizia ha fatto da molla a un titolo che era stato molto venduto, anche se una cosa è chiedere e un‘altra è ricevere”, ha osservato un‘operatrice.

* Fra i minori, balzo di PRIMA INDUSTRIE (+5,73%) che, dopo esser stata sospesa per rialzo su indiscrezioni stampa, ha confermato l‘ingresso della cinese Han’s Laser Technology nel suo azionariato con il 10%. Male TISCALI, -4,83% in sintonia con Telecom, e RETELIT, crollata dell‘11,02%. Su INDESIT (+2,41%) a seguito della trimestrale e BUONGIORNO (+1,35%), che ha fatto sapere di aver utilizzato azioni proprie a completamento dell‘acquisizione di Llama Tv e Call Tv Holdings.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below