5 maggio 2008 / 07:23 / 10 anni fa

Borsa Milano debole in scia Europa, bene B. Popolare, giù Stm

MILANO (Reuters) - Piazza Affari inaugura la settimana con una seduta caratterizzata da debolezza e scarsi volumi alla pari del resto d‘Europa.

<p>Immagine d'archivio dell'ingresso della Borsa di Milano. REUTERS/Daniele La Monaca</p>

“E’ stata una giornata insignificante con volumi bassissimi e nessun‘idea”, è la sintesi di un trader, che cita anche come spiegazione la chiusura per festività del mercato londinese.

L‘indice S&P/Mib è sceso dello 0,09%, il Mibtel ha chiuso invariato, mentre l‘Allstars ha guadagnato lo 0,44%. Volumi per 2,8 miliardi di euro.

* Unica storia della giornata è stata quella di BANCO POPOLARE, salita del 4,84% dopo indiscrezioni stampa che ipotizzano un interesse di DZ Bank per la controllata BANCA ITALEASE (+2,03% con volumi elevati).

* Tonica FASTWEB (+3,72%), che ha guadagnato il secondo posto del listino principale “ma senza alcun motivo”, commenta un‘operatrice.

* Rialzi, con volumi modesti, per SAIPEM, PIRELLI, LOTTOMATICA e AUTOGRILL.

* Terminata in lieve progresso FIAT (+0,35%), appena sotto quota 15 euro, in linea con le auto europee, piatte (-0,11% lo stoxx). Il titolo era salito con decisione venerdì; a mercati chiusi sono usciti i dati sulle immatricolazioni in Italia ad aprile, mese in cui il Lingotto ha registrato una crescita dell‘1,4% contro un mercato in calo del 2,9%. “I dati sono molto positivi per il gruppo, che ha visto un deciso incremento della sua quota di mercato”, ha detto un trader.

* Vola NEGRI BOSSI a seguito dell‘accordo da 10 milioni di euro con Fiat Auto per la fornitura di macchinari ad alto tonnellaggio per componenti plastici. Il titolo, sospeso al rialzo subito dopo l‘annuncio, ha poi terminato in crescita dell‘8,94% a 0,50 euro.

* Fra le blue-chip, chiudono in ribasso banche come INTESA SANPAOLO (-1,09%), MPS (-1,21%) e MEDIOBANCA (-1%). UNICREDIT, che ha smentito di aver avviato contatti con Lufthansa sul dossier Alitalia ed ENEL.

* Negativa TELECOM (TLIT.MI> (-1,08%) “su cui continua a vedersi una debolezza cronica, ormai insita nel titolo”, dice un dealer, sottolineando la fragilità di tutte le tlc europee nella giornata odierna (-0,49% l‘indice Stoxx di settore).

* In calo dell‘1,07% STM. Il comparto tecnologico è stato il più venduto nel Vecchio Continente sulla scia del calo di YAHOO a Wall Street dopo la rinuncia al takeover da parte di MICROSOFT.

* Ribasso deciso per MONDADORI (-1,58%), che a inizio seduta ha segnato un massimo dell‘anno a 5,79 euro per poi chiudere a 5,66 euro.

* Realizzi su LUXOTTICA (-1,2%) dopo la chiusura in forte rialzo della scorsa settimana. Al palo, invece, BULGARI (+0,03%).

* Tra i titoli a minore capitalizzazione, bene ISAGRO (+12,82%), che ha proseguito il movimento di recupero dai minimi toccati a metà marzo.

* Salita di oltre il 9% VIAGGI DEL VENTAGLIO, da tempo al centro di movimenti rialzisti. Il settimanale del Sole, Plus, ha citato voci di interesse da parte di private equity o di gruppi concorrenti esteri.

* In rialzo dell‘8,26% IMMSI, con volumi intensi. Affari & Finanza ragiona oggi sull‘ipotesi di un buyback finalizzato al delisting.

* Segno meno per la JUVENTUS (-1,84%) all‘indomani della sconfitta con il Siena.

* ALITALIA ha terminato invariata dopo l‘asta. Oggi in un‘intervista al Corriere Economia la famiglia Fossati ha dato la sua disponibilità a partecipare alla cordata italiana per il salvataggio della compagnia di bandiera.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below