2 luglio 2008 / 07:57 / tra 9 anni

Borsa Milano positiva su forza banche, pesante Italcementi

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude positiva, unica in Europa insieme a Madrid, rimbalzando dopo diverse sedute negative, grazie al peso dei bancari, in clima di maggiore fiducia dopo le rassicurazioni su conti e patrimonio di Deutsche Bank e di Ubs.

<p>Operatori di borsa al lavoro. REUTERS/Frank Polich (UNITED STATES)</p>

“I riflettori sono tuttavia puntati su domani, quando si terrà l‘incontro della Bce e saranno diffusi i dati sul mercato del lavoro Usa. Domani sarà una giornata importante per i mercati”, osserva un broker.

L‘S&P/Mib sale dello 0,65%, il Mibtel dello 0,49%, l‘AllStars cede lo 0,01%. Volumi per circa 3,5 miliardi di euro nel finale.

* Si ridimensiona a un +0,3% il gudagno di IMPREGILO. Un trader che ricorda la parole del premier Berlusconi, ieri, sul tema rifiuti in Campania e sulla ripresa dei lavori dell‘inceneritore di Acerra.

* Brilla anche ATLANTIA (+3,3% da -3,8% ieri). Secondo indiscrezioni stampa potrebbe nascere un nocciolo duro di investitori italiani accanto ai Benetton che prevederebbe anche un‘eventuale successiva offerta per la quota in mano ad Abertis.

* Bene anche oggi PRYSMIAN (+2,02%), fresca di un contratto in Qatar, scende, invece, SEAT (-2,08%), in forte denaro, ieri, è stato annunciato il rimborso anticipato di una tranche del debito. “E’ una prova di forza di una società sempre molto speculata in borsa”, dice un dealer.

* Rimbalzano il lusso, con BULGARI + 2,24%, e i media, con l‘ESPRESSO a +1,9%, MEDIASET a +1,08% dopo che ieri hanno registrato perdite nell‘ordine del 5%. Il settore europeo cede circa l‘1%.

* Sale del 2,67% FIAT, che recupera parte delle perdite di ieri dopo “immatricolazioni a giugno brutte ma non disastrose”. I dati diffusi ieri sera hanno mostrato una flessione delle immatricolazioni del gruppo (-16,5%) inferiore a quella del mercato italiano nel suo complesso (-19,5%). In crescita dell‘1,1% lo stoxx auto in Europa.

* Tono generalmente positivo per le banche (+0,64% in Europa): INTESA SANPAOLO (+1,65%), MPS (+2,54%), UBI BANCA(+2,92%) e BANCO POPOLARE (+3,62%). resta al palo, invece, UNICREDITO.

* Perde l‘1,96% FASTWEB dopo i downgrade di Goldman Sachs e Bnp Paribas, mentre TELECOM sale del 2,1% in linea con le tlc europee.

* Debole il comparto cemento e soprattutto ITALCEMENTI (-5,14%), male anche BUZZI (-3,85%). Male il comparto a livello europeo. “Su Italcementi, oggi a nuovi minimi dell‘anno, è difficile dire quali siano le cause, va male tutto il settore”, spiega un trader. Poco mossa ENI, debole ENEL, mentre i relizzi pesano su TENARIS (-3,24%). Forte balzo per TERNA che chiude in crescita del 4,24% e PARMALAT (+4,94%)..

* Sale del 6,99% MARIELLA BURANI a 16,19 euro, che “si avvicina progressivamente ai 18 euro a cui l‘azionista di controllo lancerà un‘Opa finalizzata al delisting”, spiega un‘operatrice. “L‘Opa sarà a 18 euro ed è finalizzata al delisting”, ha detto una fonte a Reuters ieri sera dopo che il gruppo aveva parlato di un progetto di offerta a 17-18 euro.

* Sospesa al ribasso per tutta la seduta, AEDES termina in calo del 7,15% dopo gli strappi delle ultime due sedute alimentati dalla conferma di contatti con il magnate Usa Barrack per la cessione di alcuni asset. Sempre tra gli immobiliari sospesa al rialzo BASTOGI ha poi chiuso con un balzo del 23,16%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below