9 dicembre 2009 / 16:51 / tra 8 anni

Borsa Milano chiude debole, banche miste, realizzi su Saipem

MILANO, 9 dicembre (Reuters) - Seduta all‘insegna della volatilità per Piazza Affari che, fallito il tentativo di rialzare la testa di metà giornata, riesce comunque a chiudere sopra i minimi intraday.

Oggi sono soprattutto le notizie provenienti dall‘estero a influenzare il listino, con i volumi che restano sotto tono dopo il lungo ponte dell‘Immacolata e in vista delle festività natalizie.

“Sul mercato c’è una direzione definita da fuori piuttosto che dall‘interno: ha pesato il nervosismo per il Dubai e poi il peggioramento dell‘outlook della Spagna da parte di S&P”, commenta un‘operatrice.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB chiude in calo dello 0,75%, l‘AllShares .FTITLMS dello 0,8% e il MidCap .FTITMC cede l‘1,06%. Volumi nel finale per circa 2 miliardi di euro.

Il benchmark europeo Dj Stoxx 600 arretra dello 0,95% mentre a Wall Street gli indici sono poco mossi.

* Le banche chiudono in ordine sparso. UBI (UBI.MI), che beneficia di un inizio di copertura positivo da parte di Societe Generale, guadagna un punto percentuale mentre INTESA SANPAOLO (ISP.MI), anch‘essa coperta con “buy” dal broker francese, cede lo 0,6%. UNICREDIT CDRI.MI, che ha riunito oggi il comitato strategico in vista del cda del 15 dicembre che darà l‘avvio all‘iter per il piano di riorganizzazione del gruppo, perde l‘1,6%. Lo stoxx europeo .SX7P segna un calo dell‘1,6%.

* SAIPEM (SPMI.MI) lascia sul campo circa il 3% dopo il balzo di ugual misura messo a segno ieri. “Sono realizzi, il titolo da inizio anno ha guadagnato circa il 90%”, osserva una trader. “In una giornata con pochi spunti come questa la gente ne approfitta per monetizzare”.

* Le vendite non risparmiano neanche IMPREGILO IPGI.MI, -3% circa, e BULGARI BULG.MI, -3,7%, mentre difende il segno positivo TENARIS (TENR.MI) (+1,8%) insieme alle utility TERNA (TRN.MI) e SNAM RETE GAS (SRG.MI).

* Fuori dal paniere principale corrono ACQUE POTABILI ACP.MI e MEDITERRANEA ACQUE MEA.MI, che hanno subìto forti oscillazioni nelle ultime sedute e in chiusura guadagnano rispettivamente il 5% e il 4,5%.

* In rialzo dell‘1% BENI STABILI (BNSI.MI), che incassa l‘aumento di target price da parte di Morgan Stanley.

* L‘eliminazione dalla Champions League costa un -6% a JUVENTUS (JUVE.MI), con un trader che osserva come i mancati introiti derivanti dall‘esclusione possano fare la differenza tra il chiudere il bilancio dell‘anno in pareggio o meno.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below