30 novembre 2009 / 16:52 / tra 8 anni

Borsa Milano chiude sui minimi di seduta, pesante Ubi Banca

MILANO, 30 novembre (Reuters) - Piazza Affari archivia con il segno meno una seduta volatile, che nel pomeriggio ha visto gli indici fare una brevissima incursione in territorio positivo per poi soccombere nuovamente alla lettera, riportandosi a un soffio dai minimi intraday.

“Non ci sono spiegazioni particolari ai movimenti che abbiamo visto sul mercato”, commenta un trader. “Oggi anche petrolio e dollaro, solitamente indicati come i resposabili delle oscillazioni delle borse, sono sostanzialmente poco mossi”.

Se sul fronte internazionale continuano a dominare i timori per la situazione debitoria di Dubai, a livello locale l‘assenza di idee e temi di interesse ha lasciato spazio a qualche spunto selettivo legato ai giudizi dei broker.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB chiude in calo dell‘1,25%, l‘AllShares .FTITLMS dell‘1,21% e il Mid Cap .FTITMC dell‘1,24%. Volumi nel finale in flessione rispetto alle ultime sedute con un controvalore intorno a 2,3 miliardi di euro.

In Europa il benchmark Dj Stoxx 600 cede l‘1,2% mentre a New York gli indici sembrano imboccare con più decisione la strada del ribasso.

* Tra le banche UBI (UBI.MI) è il fanalino di coda del paniere principale con un calo di oltre il 4%. Un trader cita per il titolo un downgrade a “underperform” di un broker estero. In ordine sparso gli altri istituti in un settore che in Europa .SX7P cede poco più dell‘1%.

* ENI (ENI.MI) -1,4%, SAIPEM (SPMI.MI) -1,7% in sintonia con gli energetici del Vecchio Continente .SXEP.

* Resta il buon rialzo per PIRELLI PECI.MI che guadagna circa un punto percentuale sul “buy” di Ubs e un migliore target di Goldman Sachs, che ha confermato il giudizio “neutral”.

* Sopra i minimi intraday FIAT FIA.MI, che con il suo -0,15% sovraperforma il settore europeo .SXAP (-1,7%). Goldman ha alzato il target sul titolo a 14 euro ribadendo il suo “buy”.

* Tra i pochi titoli che nel finale difendono il segno positivo anche TELECOM ITALIA (TLIT.MI) che, sottolinea un trader, “non aveva partecipato al rimbalzo di venerdì”. In progresso anche le utility A2A (A2.MI) e SNAM RETE GAS (SRG.MI), tradizionalmente più difensive.

* Pesante MONDADORI (MOED.MI) (-3,4%) tra media europei .SXMP in ribasso dell1,3%.

* Tra i titoli a minore capitalizzazione tonica SAFILO (SFLG.MI), +4,3% nell‘ultimo giorno valido per aderire all‘Opa sui bond lanciata da Hal Holding. Il mercato, spiega un trader, scommette nel buon esito dell‘operazione.

* Tra i minori perdono oltre l‘8% ACEGAS AEG.MI e GAS PLUS (GSP.MI). Le small cap registrano anche cali tra 9 e 11% per GEWISS GEWI.MI, SOPAF SPFI.MI e NICE (NICE.MI).

* Sul fronte opposto brillano AEDES (AEDI.MI) con un +8,5% e BASTOGI (BTGI.MI) con +6,8%.

((Redazione Milano; +39 02 66129549; sabina.suzzi@thomsonreuters.com; RM: sabina.suzzi.reuters.com@reuters.net))

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below