26 novembre 2009 / 12:15 / 8 anni fa

Borsa Milano stabile sopra minimi teme Dubai, problemi tecnici

MILANO, 26 novembre (Reuters) - Piazza Affari arresta la discesa poco ai minimi di giornata, ma sull‘andamento del mercato milanese continuano a pesare i problemi di connessione che rendono a parte degli operatori difficile o impossibile accedere al mercato.

“C’è un‘interruzione nella connessione con Borsa Italiana, diversi operatori lamentano di non riuscire a entrare nel mercato”, afferma un trader. Borsa Italiana conferma i problemi ma fa sapere che il mercato non è sospeso mentre a Londra problemi tecnici hanno imposto di mettere i titoli in fase di asta.

L‘effetto dei problemi si somma a quello del Thanksgiving americano nel rendere ancora più sottili i volumi e quindi volatile l‘andamento degli indici, che dopo essere scesi ben al di sotto del -2% si stabilizzano ora poco sopra.

In tale scenario è amplificata l‘eco delle difficoltà della holding Dubai Power, che ha chiesto una moratoria sui debiti da 59 miliardi di dollari per i prossimi sei mesi.

“C’è un problema evidente per bancari e assicurativi, per effetto di Dubai. La paura è che la crisi non sia mai finita, che ci possa essere ogni volta un nuovo focolaio”, osserva un trader.

Intorno alle 13,00 l‘indice FTSE Mib .FTMIB perde l‘1,73%, l‘AllShares .FTITLMS l‘1,67% e il MidCap .FTITMC l‘1,40%.

* Resta a galla POPOLARE MILANO PMII.MI, invariata dopo il miglioramento del giudizio di Nomura a “buy” da “reduce” questa mattina. In calo generalizzato sotto l‘effetto-Dubai le altre banche, con lo stoxx europeo .SX7P che cede il -3,5%. Perde oltre il 3% UNICREDIT (CRDI.MI), sotto il -2% INTESA SANPAOLO (ISP.MI), BANCO POPOLARE BAPO.MI e UBI (UBI.MI), poco sopra MONTEPASCHI (BMPS.MI).

* Tra gli assicurativi, cedono il 3% circa FONDIARIA-SAI FOSA.MI, il 2,7% UNIPOL (UNPI.MI) e il 2% GENERALI (GASI.MI).

* Stabile intorno al -1% LOTTOMATICA LTO.MI, positiva in apertura sulla scia del bond da 750 milioni e forte del miglioramento di rating da parte di Kepler, ma poi trascinata nel rosso dalla debolezza del mercato.

* Si separano chiaramente le sorti dei difensivi, con TERNA (TRN.MI) che si stacca del gruppo e guadagna quasi l‘1,5%, SNAM RETE GAS (SRG.MI) sostanzialmente invariata, A2A (A2.MI) e ATLANTIA (ATL.MI) intorno al -1,5%.

* Resta fortemente negativa ma limita i danni l‘auto, che attraverso Porsche (PSHG_p.DE) (-6,5%) sente le conseguenze dello scricchiolio negli Emirati (Qatar è azionista della casa automobilistica tedesca, Abu Dhabi e Kuwait sono soci di Daimler (DAIGn.DE). Lo stoxx europeo .SXAP perde circa il 2,7% mentre FIAT FIA.MI cede il 2%.

* Fuori dal paniere principale vola SAFILO (SFLG.MI), a +9,7% con un trader che osserva come “questo titolo appare estremanente sensibile al mutare quotidiano delle prospettive sul suo salvataggio, oggi sembra essere una giornata di ottimismo”.

* Cedono invece per ragioni di natura simile ma di segno opposto, nota un trader, titoli come MONTEFIBRE MFBI.MI a -8% ed EUTELIA EUT.MI.

* Crolla DADA (DA.MI), a -6,7% una settimana dopo l‘acquisizione della specialista di hosting inglese Poundhost.

((Redazione Milano, Reuters Messaging: francesco.segoni.reuters.com@reuters.net, +39 02 66129814, milan.newsroom@news.reuters.com))

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below