18 marzo 2011 / 09:01 / tra 7 anni

PUNTO 1 - Giappone compra dollari, ok G7 a interventi coordinati

(aggiunge background e fonte su BoJ e liquidità)

SYDNEY, 18 marzo (Reuters) - Il Giappone ha acquistato miliardi di dollari nella notte per cercare di arrestare la corsa dello yen, inaugurando gli interventi congiunti del Gruppo dei Sette con l‘obiettivo di calmare i mercati globali. A una settimana circa dal sisma giapponese che ha portato il Paese sull‘orlo di una crisi nucleare, il dollaro si è apprezzato di due figure piene su yen a 81,80 circa, distanziando il minimo record di 76,25 segnato ieri, sull‘onda degli acquisti di Banca del Giappone.

Secondo trader e media la banca centrale giapponese potrebbe aver acquistato oltre 25 miliardi di dollari.

Ora tocca alla Federal Reserve e alla Banca centrale europea portare avanti quello che è il primo intervento combinato del Gruppo dei Sette in un decennio.

“Avrà un effetto di risonanza enorme sul mercato”, commenta Kathy Lien, responsabile della ricerca sui cambi a GFT.

“L‘unico tipo di intervento che davvero funziona è quello coordinato e dimostra la serietà con cui le banche centrali mondiali considerano la situazione giapponese”. I G7 hanno annunciato l‘intento di intervenire congiuntamente, dopo una breve teleconferenza stanotte, per dimostrare solidarietà al Giappone, colpito dalle calamità naturali e dal rischio nucleare.

La decisione ha preso alla sprovvista molti sul mercato dopo che il Giappone aveva indicato di essere alla ricerca di un sostegno morale per suoi interventi di mercato piuttosto che di un supporto fattivo per un‘azione congiunta.

L‘ultimo intervento congiunto del Gruppo dei Sette risale a dieci anni fa quando i paesi avanzati si mossero per frenare il troppo rapido indebolimento dell‘euro poco dopo la sua nascita.

Nella notte il ministro delle Finanze giapponese Yoshihiko Noda ha detto che la Banca del Giappone ha iniziato a vendere yen poco dopo la mezzanotte e che gli altri istituti centrali del G7 sarebbero intervenuti una volta aperti i loro mercati di riferimento.

Una fonte ha detto a Reuters che la Banca del Giappone non asciugerà la liquidità derivante dalle sue vendite di yen sul mercato aperto, aggiungendo così ulteriori fondi al mercato per sostenere i mercati domestici.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below