8 novembre 2010 / 15:19 / 7 anni fa

Forex, problemi debito tengono sotto pressione euro anche a NY

 NEW YORK, 8 novembre (Reuters) - L'euro rimane sotto
pressione anche negli scambi statunitensi, con gli investitori
nuovamente preoccupati per la situazione del debito in Irlanda e
in altri paesi periferici della zona euro.
 I dati sull'occupazione Usa sorprendentemente positivi della
scorsa settimana hanno riacceso l'interesse sul dollaro, che era
sceso sui minimi di 9 mesi e mezzo contro euro dopo l'annuncio
da parte della Fed la scorsa settimana dell'intenzione di
acquistare 600 miliardi di dollari di titoli di stato entro metà
2011.
 Poco dopo le 16 l'euro EUR= cede oltre 1% a 1,3889
dollari. I trader individuano un supporto a 1,3860, il minimo
del mese, in caso di rottura possibile che la moneta unica
scivoli verso 1,37.
 "Anche prima dell'incontro Fed gli spread per Irlanda,
Grecia e Portogallo si stavano allargando. Ora che la Fed ha
detto che cosa farà [il quantitative easing], il mercato sta
ricominciando a fare trading su questi timori [debito paesi
periferici della zona euro]", spiega Matthew Strauss, senior
strategist di RBC capital Markets a Toronto.
 
                               ORE 16,15       CHIUSURA USA 
 EURO/DOLLARO EUR=           1,3899/00             1,4051 
 DOLLARO/YEN JPY=             81,13/16              81,24 
 EURO/YEN EURJPY=            112,77/80             114,12 
 EURO/STERLINA EURGBP=       0,8618/20             0,8673 
 ORO SPOT XAU=           1.390,30/1,20      1.394,50/5,50 
 





0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below