5 novembre 2010 / 07:10 / tra 7 anni

Forex, dlr in lieve recupero ma politica Fed continuerà a pesare

TOKYO, 5 novembre (Reuters) - Dollaro in lieve recupero dai nuovi minimi segnati nelle ultime ore, anche se il contesto rimane quello di un rinnovato appetito per il rischio, che continuerà a pesare sul biglietto verde.

Ieri il ‘dollar index’ .DXY, che mette a confronto la valuta Usa con un paniere di divise mondiali, è sceso ai minimi da 11 mesi a seguito dell‘annuncio delle nuove misure di quantitative easing da parte della Fed.

Alle 7,40 italiane il cambio euro-dollaro EUR= tratta attorno a quota 1,42 (1,4214 l‘ultima chiusura), dopo essersi spinto fino a 1,4283, il massimo da fine gennaio scorso.

Il dollaro tratta a 80,76 sullo yen JPY=, di fatto ritornando sui valori di riferimento di ieri, dopo il lieve movimento di apprezzamento delle ultime ore, già rientrato. Poco sotto, a 79,75, c’è il minimo storico dal dopoguerra.

“C’è parecchia liquidità in circolazione e la gente si rende conto che deve investirla” spiega un trader da Hong Kong, sottlineando come gli attuali flussi verso gli alti rendimenti e verso i mercati asiatici abbiano caratteristiche durature e non speculative di breve termine.

“Credo che la liquidità finirà in generale nell‘azionario, mi sembra ci sia preoccupazione per le implicazioni inflattive del QE nel lungo termine, quindi credo ci sarà un‘uscita dai bond a favore delle borse”, ha aggiunto.

Poco mosso l‘euro-yen EURJPY=: cambio a 114,6123, contro 114,77 di ieri in chiusura.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below