11 ottobre 2010 / 10:22 / tra 7 anni

Forex, dollaro in calo su attese politica Fed, no accordo G7/Fmi

 LONDRA, 11 ottobre (Reuters) - Il dollaro è in calo dopo che
nelle riunioni di Washington i ministri delle finanze non sono
riusciti a raggiungere un accordo sugli squilibri valutari,
lasciando alla Federal Reserve Usa spazio per perseguire la
propria politica monetaria accomodante a sostegno dell'economia
in difficoltà.
 L'incapacità del Fondo monetario internazionale nel riuscire
a trovare un'intesa nel corso degli incontri multilaterli del
weekend ha alimentato i timori di nuove tensioni sulle monete e
attese su ulteriori mosse dei governi per contrastare gli
effetti dei ribassi del dollaro.
 "Non sembra esserci alcuna base per un accordo sugli
squilibri valutari dagli incontri del fine settimana e gli Stati
Uniti sembrano destinati a continuare la politica monetaria di
allentamento" ha detto Neil Mellor, strategist sulle valute a
Bank of New York Mellon.  
 Gli analisti di JPMorgan hanno sottolineato che i politici
del G20 si incontreranno tre volte nel corso del prossimo mese,
ma in attesa di questi nuovi meeting gli investitori pensano che
il dollaro continuerà a scendere.
 "Entro metà novembre, due principi operativi dovrebbero
essere chiari: che il G20 non accetterà formalmente di guidare i
mercati del forex, ma che i singoli paesi saranno autorizzati a
gestire la discesa del dollaro derivante da un nuovo ciclo di
allentamento della Fed", hanno scritto gli analisti della banca
d'affari in una nota.
 Le perdite del dollaro sono state leggermente
controbilanciate dalla decisione della Cina di aumentare
temporaneamente l'obbligo di riserva obblgatoria per sei grandi
banche, secondo quanto riferito da fonti Reuters.
 Negli scambi asiatici il dollaro è sceso a 81,37 yen JPY=
dopo aver fatto scattare le vendite 'stop-loss' sulla rottura
dei minimi di venerdi di 81,71. Nonostante la scarsa liquidità
dovuta a una festività giapponese sono poi ripariti gli acquisti
facendo rimbalzare il dollaro a quota 82 yen.
 L'euro EUR= ha toccato il massimo di 1,4011 per poi
ritracciare. I trader indicano una resistenza a 1,4216, un
livello che lo scorso 22 dicembre, nella fase calante della
moneta unica, era considerata un supporto.
 
                               ORE 11,50        CHIUSURA USA
 EURO/DOLLARO EUR=           1,3942/45             1,3995
 DOLLARO/YEN JPY=             82,03/04              81,75
 EURO/YEN EURJPY=            114,39/41             114,42
 EURO/STERLINA EURGBP=       0,8747/48             0,8768
 ORO SPOT XAU=           1.348,50/9,15       1343,25/4,25
 






0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below