23 ottobre 2013 / 12:49 / tra 4 anni

Forex, dlr in lieve recupero su euro ma resta vicino a minimi 2 anni

NEW YORK, 23 ottobre (Reuters) - Il dollaro resta sotto
pressione sul mercato valutario, anche se il biglietto verde
riesce oggi a recuperare qualche limitata posizione sull'euro
dopo aver toccato poche ora fa i minimi da due anni.
    Alla base delle difficoltà del biglietto verde ci sono i
numeri di ieri giunti dal mercato occupazionale: dati inferiori
alle attese, che delineano il momento non brillantissimo della
ripresa Usa - peraltro esposta alle conseguenze delle oltre due
settimane di blocco dell'attività del governo federale - e che
con ogni probabilità porteranno la Fed a ritardare almeno fino
ad inizio 2014 il momento in cui partirà il progressivo
assottigliamento dello stimolo monetario.
    "I dati occupazionali inferiori alle attese sicuramente
sostengono l'aspettativa degli investitori di un probabile
ritardo della Fed nell'avviare la riduzione del quantitative
easing, almeno fino al primo trimestre dell'anno prossimo"
spiega Lee Hardman di Btmu. "Nel brevissimo il dollaro rimarrà
probabilmente sulla difensiva anche se i dati cominciano a
migliorare. Ora che lo 'shut down' è terminato ci vorrà comunque
tempo per avere maggiore chiarezza sulla traiettoria
dell'economia Usa".
    Nel primo pomeriggio l'euro/dollaro scambia vicino al minimo
intraday di 1,3742 visto a fine mattinata, sempre però in vista
del massimo dal novembre 2011 di 1,3792 toccato nelle ultime
ore.
    D'altra parte l'euro forte fa inevitabilmente riaffiorare
preoccupazioni in Europa e potrebbe indurre la Bce ad utilizzare
qualche forma di intervento verbale per tentare di raffreddare
il trend di apprezzamento.
    "L'euro/dollaro tratta ora ai massimi dell'anno e la domanda
è quale sarà la risposta della Bce" spiega lo strategist di Ing
Chris Turner. "L'inflazione della zona euro è bassa e la Bce
potrebbe riprendere la posizione dello scorso febbraio, secondo
cui l'euro forte accresce i rischi al ribasso sull'inflazione".
    Il biglietto verde si conferma peraltro in deprezzamento di
quasi una figura nei confronti dello yen, anche se in questo
caso il cambio resta all'interno del range 97-100 entro cui ha
oscillato nelle ultime settimane.
          
                             ORE 14,35               CHIUSURA
 EURO/DOLLARO         1,3755/57                 1,3780  
 DOLLARO/YEN           97,41/45                  98,13  
 EURO/YEN          134,05/10                 135,20 
 EURO/STERLINA     0,8517/20                 0,8491   
 ORO SPOT          1.332,09/3,31         1.340,04/1,26
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below