December 6, 2019 / 11:28 AM / 2 months ago

GREGGIO-Verso chiusura settimana positiva su attesa conferma tagli OPEC+

LONDRA, 6 dicembre (Reuters) - I prezzi del petrolio si sono stabilizzati e sono impostati per chiudere la settimana in rialzo in attesa della nuova riunione dei paesi Opec e degli alleati in programma oggi. Nel corso della riunione dovrebbero essere confermati formalmente gli ulteriori tagli alla produzione per l’inizio del 2020.

** L’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) e gli alleati tra cui la Russia, gruppo noto come OPEC+, hanno concordato ieri ulteriori tagli alla produzione per evitare l’eccesso di offerta in un momento in cui la crescita economica ristagna anche per effetto della guerra commerciale sino-statunitense.

** Tuttavia, l’impegno dell’OPEC non si estenderà dopo il mese di marzo e gli analisti hanno messo in dubbio l’impatto degli ultimi tagli.

** Alle 11,40, i futures sul Brent scambiano in calo di 4 centesimi, o dello 0,06% , a 63,39 dollari al barile, e stanno per archiviare la settimana in rialzo dell’1,5%.

** Il greggio Usa perde 3 centesimi, ovvero lo 0,05%, a 58,40 dollari al barile. In rialzo quasi del 6% per la settimana.

** I tagli del prossimo anno amplieranno l’accordo esistente con un’ulteriore riduzione di 500.000 barili al giorno nel primo trimestre del prossimo anno, attraverso una maggiore conformità al programma di tagli e alcuni accorgimenti.

** L’attuale accordo dell’OPEC prevede un taglio dell’offerta di 1,2 milioni di barili al giorno e l’ulteriore taglio rappresenta circa l’1,7% della produzione mondiale di petrolio.

** L’aumento dei prezzi del petrolio sta, inoltre, supportando l’Ipo della compagnia petrolifera statale dell’Arabia Saudita, Saudi Aramco, che ha fissato ieri il prezzo delle azioni al massimo della forchetta indicativa.

** L’operazione rappresenta la più grande Ipo al mondo, che batte la cifra record di 25 miliardi di dollari raccolta da Alibaba nel 2014. Tuttavia, la cifra è al di sotto dell’obiettivo di 2.000 miliardi di dollari inizialmente voluta dal principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

** Gli investitori stranieri sono rimasti indifferenti e la vendita è stata limitata agli investitori sauditi e della regione.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below