December 20, 2019 / 2:51 PM / a month ago

Fca-Psa, impegno a non chiudere impianti non garantisce livello occupazione - Fiom

TORINO, 20 dicembre (Reuters) - L’impegno assunto da Fiat Chrysler e dai francesi di PSA Peugeot a non chiudere impianti quando i due gruppi automobilistici si fonderanno, non significa necessariamente che saranno mantenuti i livelli occupazionali.

Lo ha detto il segretario generale della Fiom-Cgil Francesca Re David prima dell’incontro di Fca con i sindacati.

“Quando le cose vengono scritte tendo a fidarmi e non ho motivo di dubitarne, ma non chiudere impianti non vuol dire mantenere i livelli occupazionali visto che in Italia le fabbriche funzionano già a metà della loro capacità produttiva per via della cassa integrazione”, ha detto Re David a chi le chiedeva se si fidasse degli impegni a non chiudere impianti annunciati da Fiat Chrysler in occasione dell’annuncio dell’accordo di fusione con Psa-Peugeot.

Quanto alla prevista presenza di due rappresentanti dei lavoratori nel Cda del gruppo post-fusione, Re David ha sottolineato che “è un fattore innovativo per l’Italia, anche se non è scritto che il rappresentante di Fca sarà italiano, anzi... ma sarà un rappresentante dei lavoratori se viene scelto dai lavoratori, non se verrà scelto dall’azienda”.

Giulio Piovaccari, in redazione a Milano Sabina Suzzi

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below