May 10, 2019 / 10:04 AM / 7 months ago

Di Maio: scorporare da calcolo deficit/Pil spese istruzione, sanità, ricerca

ROMA, 10 maggio (Reuters) - Le spese per istruzione, sanità e ricerca devono essere scorporate dal calcolo del deficit/Pil che, secondo le regole europee, non deve superare il 3%.

Lo ha detto il vicempremier del M5s e ministro dello Sviluppo, Luigi Di Maio.

“Il deficit/Pil va bene per alcune cose ma devono uscire da calcolo spese istruzione, sanità e ricerca”, ha detto Di Maio in una intervista a una trasmissione del La7.

Di Maio e l’altro vicepremier Matteo Salvini hanno detto nei giorni scorsi che, per tagliare le tasse, è possibile sforare il tetto del 3% tra indebitamento netto e crescita.

Per il 2019 il governo stima un deficit/Pil del 2,4%.

Ieri sera il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha detto che il fiscal compact Ue va superato perché ha effetti negativi sull’economia. Il fiscal compact prevede, tra l’altro, che i paesi molto indebitati come l’Italia debbano avere un deficit strutturale inferiore allo 0,5% del Pil.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below