November 20, 2019 / 10:19 AM / 21 days ago

Shadow bank e banche deboli principali vulnerabilità in zona euro - Bce

FRANCOFORTE, 20 novembre (Reuters) - Un settore bancario ombra perlopiù non regolato e un’anemica redditività negli istituti di credito tradizionali sono tra le principali vulnerabilità finanziarie della zona euro.

Lo dice la Banca Centrale Europea nel suo rapporto semestrale sulla stabilità pubblicato oggi.

I prezzi sopravvalutati del mercato immobiliare residenziale richiedono a loro volta un’intervento strategico, mentre il non più tonico mercato immobiliare commerciale alimenta le previsioni di un ritiro degli investitori dal settore, aumentando il rischio di un crollo, ha aggiunto la Bce.

Considerando che tassi della Bce incredibilmente bassi minano la redditività delle banche, sostengono i prestiti e incoraggiano eccessive assunzioni di rischi, le vulnerabilità finanziarie della zona euro crescono ormai da anni.

I tassi rimarranno probabilmente bassi anche nel prossimo decennio, alimentando potenzialmente ulteriori distorsioni.

La rapida crescita nei sistemi bancari ombra - una serie di istituzioni finanziarie composte da assicuratori e fondi d’investimento - preoccupa particolarmente i regolatori, poiché queste entità godono di regolamentazioni più flessibili e le autorità mancano dei poteri necessari a limitare le loro attività.

“La crescente ricerca di rendimento attraverso enti non bancari può inasprire l’accumulo di vulnerabilità, in particolare il calo dei costi finanziari per debitori più rischiosi”, afferma la Bce. “I rischi di credito e di liquidità sembrano essere aumentati nel corso degli ultimi anni”.

I sistemi bancari ombra stanno crescendo alle spese degli istituti di credito tradizionali, zavorrati da forti limiti normativi, eredità della crisi finanziaria globale che ancora forza molti ad accumulare capitale.

“Rispetto alle istituzioni finanziarie non bancarie, il kit di regole e politiche macroprudenziali è ancora allo stadio iniziale e richiede ulteriore sviluppo”, secondo la Bce. “Per questo sacche di vulnerabilità all’infuori del tradizionale sistema bancario non possono essere affrontate efficacemente da misure macroprudenziali”.

Per quanto riguarda le banche tradizionali, le preoccupazioni sulla redditività rimangono serie, ha detto la Bce, sottolineando che i bassi tassi d’interesse terranno gli utili sotto pressione.

I deboli profitti rappresentano un problema, poiché le banche operano da tramite per buona parte delle misure di sostegno della Bce per l’economia reale e la loro sofferenza potrebbe danneggiare l’efficacia delle politiche espansive della Bce.

La banca centrale europea ha anche lanciato un allarme per i crescenti prezzi del mercato immobiliare, sostenendo che questo insieme ai crescenti prestiti ipotecari e all’alto indebitamento familiare rappresentano serie vulnerabilità in più paesi.

“Date le condizioni finanziarie favorevoli per il mercato immobiliare, il ciclo immobiliare è rimasto stabilmente in fase d’espansione nella maggioranza della zona euro”, secondo la Bce. “Le stime della media della zona euro suggeriscono una sostenuta sopravvalutazione, ora al di sopra del 7%”, aggiunge la Banca centrale.

Per limitare questo mercato, la Bce sostiene che più paesi dovrebbero implementare riserve di capitale anticicliche per le banche. Queste riserve potrebbero limitare i prestiti in eccesso durante i periodi di boom, ma potrebbero essere rilasciati in fretta per aiutare le banche durante i periodi di flessione.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below